Pizzo Becco via dell’Ingrato, doppia variante Nord-Ovest

Vie di arrampicata.. falesie.. gruppi.. corsi e competizioni in Valle Brembana

Moderatori: freedom, Rugetor

Re: Pizzo Becco via dell’Ingrato, doppia variante Nord-Ovest

Messaggiodi Un passante » lunedì 21 novembre 2016, 18:41

andrea.brembilla ha scritto:Bellisssssimoooooo.... a_2 a_2 a_2 a_2

Ma che voi sappiate quel canalone (naturalmente senza le vostre varianti) è mai stato sceso da qualcuno con gli sci? Naturalmente con altre quantità di neve, non così. a_39



Immagine
Se guardi il libro di Valentino Cividini "Ghiaccio delle Orobie" pensi di sì. Da Serafini e Soregaroli.
Invece, da successivi approfondimenti, e dal Soregaroli, è emerso che hanno sceso un canale diverso, più o meno quello della linea rossa qui sopra.
Scendere il giallo in continuità non è possibile. C'è un lungo traverso ascendente dove non puoi comunque sciare.
Tutta la storia la trovi su on-ice, se cerchi "Transbecco Express".

Non riesco a capire se la parte bassa della via è quella che che si vede tracciata con la linea tratteggiata gialla nella foto, o se è una linea ancora più a sinistra.
Quella tratteggiata è un canale prevalentemente roccioso che dal basso sale diretto verso la parte nevosa del canalone, evitando il traverso.
E' interrotta da diversi salti in roccia.
E' quella?
La breccia invece la ricordo bene. Si vede dritta sopra la testa appena usciti dalla parte rettilinea del canale nevoso dove, in inverno e primavera, si entra su pendii nevosi aperti.

Bravi. Bello!
Un passante
 

Re: Pizzo Becco via dell’Ingrato, doppia variante Nord-Ovest

Messaggiodi andrea.brembilla » martedì 22 novembre 2016, 10:46

Un passante ha scritto:[
Immagine
Se guardi il libro di Valentino Cividini "Ghiaccio delle Orobie" pensi di sì. Da Serafini e Soregaroli.
Invece, da successivi approfondimenti, e dal Soregaroli, è emerso che hanno sceso un canale diverso, più o meno quello della linea rossa qui sopra.
Scendere il giallo in continuità non è possibile. C'è un lungo traverso ascendente dove non puoi comunque sciare.
Tutta la storia la trovi su on-ice, se cerchi "Transbecco Express".

Non riesco a capire se la parte bassa della via è quella che che si vede tracciata con la linea tratteggiata gialla nella foto, o se è una linea ancora più a sinistra.
Quella tratteggiata è un canale prevalentemente roccioso che dal basso sale diretto verso la parte nevosa del canalone, evitando il traverso.
E' interrotta da diversi salti in roccia.
E' quella?
La breccia invece la ricordo bene. Si vede dritta sopra la testa appena usciti dalla parte rettilinea del canale nevoso dove, in inverno e primavera, si entra su pendii nevosi aperti.

Bravi. Bello!


Grazie!!! Curiosità pienamente soddisfatta. a_14 a_14 a_14
Andrea Carminati, brembano; moderatore forum
cai.vallebrembana.org
Avatar utente
andrea.brembilla
 
Messaggi: 5304
Iscritto il: giovedì 17 marzo 2005, 11:50
Località: Laxolo di Val Brembilla (BG) - 570 m s.l.m.

Re: Pizzo Becco via dell’Ingrato, doppia variante Nord-Ovest

Messaggiodi freedom » sabato 10 dicembre 2016, 20:11

ba_45 ba_45 ba_45 ba_45 ba_45 ba_45 ba_45 ba_45 ba_45 ba_45
fr33d0m ( Canali video: YouTube - Vimeo )
Moderatore aree Alpinismo e Sci-alpinismo
Avatar utente
freedom
 
Messaggi: 3691
Iscritto il: lunedì 12 gennaio 2009, 9:49
Località: Bassa Bergamasca / Bordogna

Re: Pizzo Becco via dell’Ingrato, doppia variante Nord-Ovest

Messaggiodi lucaserafini » venerdì 27 aprile 2018, 15:56

Un passante ha scritto:
andrea.brembilla ha scritto:Bellisssssimoooooo.... a_2 a_2 a_2 a_2

Ma che voi sappiate quel canalone (naturalmente senza le vostre varianti) è mai stato sceso da qualcuno con gli sci? Naturalmente con altre quantità di neve, non così. a_39



Immagine
Se guardi il libro di Valentino Cividini "Ghiaccio delle Orobie" pensi di sì. Da Serafini e Soregaroli.
Invece, da successivi approfondimenti, e dal Soregaroli, è emerso che hanno sceso un canale diverso, più o meno quello della linea rossa qui sopra.
Scendere il giallo in continuità non è possibile. C'è un lungo traverso ascendente dove non puoi comunque sciare.
Tutta la storia la trovi su on-ice, se cerchi "Transbecco Express".

Non riesco a capire se la parte bassa della via è quella che che si vede tracciata con la linea tratteggiata gialla nella foto, o se è una linea ancora più a sinistra.
Quella tratteggiata è un canale prevalentemente roccioso che dal basso sale diretto verso la parte nevosa del canalone, evitando il traverso.
E' interrotta da diversi salti in roccia.
E' quella?
La breccia invece la ricordo bene. Si vede dritta sopra la testa appena usciti dalla parte rettilinea del canale nevoso dove, in inverno e primavera, si entra su pendii nevosi aperti.

Bravi. Bello!



Spigolando qua e la' nel forum mi sono imbattuto in questa discussione, e voglio confermare la discesa da me effettuata con Mauro Sorega nel 1989. Non sono cosi' sicuro pero' che la linea rossa rappresenti esattamente la nostra linea di discesa, in quanto dalla relazione tecnica, che vi agevolo in pdf, tratta dall'annuario del CAI BG del 1989, si parla di una leggera risalita lungo la cengia intermedia... devo ristudiarmela meglio anche ingrandendo la foto per cercare di ricordarmi esattamente dove siamo passati.
Quello che posso assicurarvi e' che questa discesa, insieme alla Bonomi alla Nord dello Scais, sono le piu' dure che abbiamo fatto in quel periodo... ed in fatti da quel che mi risulta non sono mai state ripetute...
Orobie Brembane, mon amour: calcare, dolomia, verrucano, gneiss, scisti, vulcanite… where else?
lucaserafini
 
Messaggi: 391
Iscritto il: lunedì 18 settembre 2017, 22:12
Località: Milano

Re: Pizzo Becco via dell’Ingrato, doppia variante Nord-Ovest

Messaggiodi lucaserafini » venerdì 27 aprile 2018, 16:04

Ecco il link per la relazione tecnica (pagina 2)

http://dropcanvas.com/40q70/1

Ora ne sono sicuro: siamo scesi inizialmente per la linea rossa, poi per la linea gialla fin dove fa un gomito. Quandlo la linea gialla traversa orizzontalmente a destra noi abbiamo traversato orizzontalmente (in leggera ascesa, come spiegato dalla relazione) a sinistra (guardando la parete) e ci siamo re-immessi piu' in basso sulla linea rossa, nel canale obliquo che porta alla cengia sopra lo zoccolo.
Orobie Brembane, mon amour: calcare, dolomia, verrucano, gneiss, scisti, vulcanite… where else?
lucaserafini
 
Messaggi: 391
Iscritto il: lunedì 18 settembre 2017, 22:12
Località: Milano

Re: Pizzo Becco via dell’Ingrato, doppia variante Nord-Ovest

Messaggiodi lucaserafini » sabato 28 aprile 2018, 11:07

lucaserafini ha scritto:Ecco il link per la relazione tecnica (pagina 2)

http://dropcanvas.com/40q70/1

Ora ne sono sicuro: siamo scesi inizialmente per la linea rossa, poi per la linea gialla fin dove fa un gomito. Quandlo la linea gialla traversa orizzontalmente a destra noi abbiamo traversato orizzontalmente (in leggera ascesa, come spiegato dalla relazione) a sinistra (guardando la parete) e ci siamo re-immessi piu' in basso sulla linea rossa, nel canale obliquo che porta alla cengia sopra lo zoccolo.



Ecco, ho trovato e preso a prestito una foto di Maurizio Agazzi (che quoto ovviamente) dove ho segnato in verde la nostra discesa. Quanto vi dovevo...
a_45

Immagine
Orobie Brembane, mon amour: calcare, dolomia, verrucano, gneiss, scisti, vulcanite… where else?
lucaserafini
 
Messaggi: 391
Iscritto il: lunedì 18 settembre 2017, 22:12
Località: Milano

Precedente

Torna a Alpinismo, arrampicare in Valle Brembana

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 4 ospiti