Gran Fondo Felice Gimondi 2015

Percorsi, itinerari, escursioni cicloturismo e MTB in Valle Brembana

Moderatore: IW2LBR

Re: Gran Fondo Felice Gimondi 2015

Messaggiodi IW2LBR » lunedì 23 marzo 2015, 11:18

La mano del Maestro sul trofeo della GF Gimondi

Il 10 maggio alla Granfondo Internazionale Felice Gimondi-Bianchi tutto sarà speciale: il contesto (Bergamo e il suo territorio), i percorsi (corto, medio e lungo, rispettivamente di 89,4/128,8/162,1 chilometri, spettacolari dal primo all’ultimo metro), le celebrazioni (la 19ª edizione è dedicata al cinquantenario del trionfo di Felice Gimondi al Tour de France, con una splendida maglia commemorativa realizzata per l’occasione), il quartiertappa (il più grande e il più bello, con i suoi 10mila metri quadri del Lazzaretto di Bergamo), l’alto livello organizzativo (a cura della G.M. Sport di Giuseppe Manenti), i 130 anni del marchio Bianchi (un traguardo storico, un percorso aziendale inimitabile).

Unici e preziosi saranno anche i premi destinati ai vincitori delle varie categorie e le medaglie di partecipazione. Li ha realizzati nel suo studio-laboratorio di Almé (in provincia di Bergamo) il maestro Antonino Rando, conosciuto nel mondo per il suo lavoro ultratrentennale nel campo della scultura e dell’arte orafa. Tra la Granfondo Gimondi e il maestro Rando il rapporto è storico: “Seguo la manifestazione da sempre. Mi piace il ciclismo, mi piacciono lo sport e la bicicletta, conoscevo Gimondi di fama, ma l’amicizia vera è nata con questa manifestazione e prosegue ancora”.

Il segno distintivo dell’opera di Rando è il movimento. Le sue sculture sono vive, dinamiche. I suoi gioielli sono un simbolo espressivo dell’arte contemporanea. Al maestro è riconosciuta la straordinaria capacità di generare senso e creare opere fortemente evocative. “Il trofeo che ho realizzato per questa edizione è la conseguenza dei precedenti. Ho cercato di dare un carattere all’opera, alla manifestazione e a quello che vuole ricordare. Come tutti gli anni ho inserito la parte monumentale di Bergamo, che ricorda il territorio di Gimondi. Poi ho utilizzato la sua vittoria di 50 anni fa, rappresentando la maglia che ha vinto (era la maglia della Salvarani) e modificandola per questa ricorrenza con l’inserimento del logo del Tour. Dal punto di vista scultoreo ho voluto evidenziare il nesso tra i ricordi e la realtà, tra la manifestazione e la ricorrenza”. Il Trofeo speciale della Granfondo Gimondi è realizzato con la tecnica della cera persa, la stessa che il maestro Rando utilizza per le sculture e i gioielli della sua produzione. Un’antica tecnica di lavorazione che il maestro segue passo dopo passo. “Dal modello orginario verranno ricavate attraverso la fusione in bronzo le copie destinate alla manifestazione e successivamente, con lo stesso disegno e la stessa grafica verranno realizzate le medaglie in argento e quindi quelle per tutti i partecipanti“. Il rapporto tra la Granfondo Felice Gimondi-Bianchi e il mondo dell’arte va oltre la tradizione. Si tratta di un vero e proprio segno distintivo. Ognuna delle precedenti edizioni ha contribuito a rinsaldare questo legame e a rendere questo evento memorabile: un appuntamento speciale, caratterizzato, nella sua bellezza, anche dal Trofeo del maestro Rando, opera di alto valore culturale e artistico.
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 76330
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Gran Fondo Felice Gimondi 2015

Messaggiodi IW2LBR » giovedì 2 aprile 2015, 14:06

GF Gimondi-Bianchi, molto più di un evento sportivo

Manca poco più di un mese all’appuntamento di Domenica 10 Maggio a Bergamo: la macchina organizzativa della Granfondo Internazionale Felice Gimondi-Bianchi sta accelerando i preparativi per allestire la 19a edizione della manifestazione che celebrerà il 50° anniversario del trionfo di Felice Gimondi al Tour de France 1965 e i 130 anni del marchio Bianchi, un traguardo storico per un percorso aziendale leggendario.

QUASI 70 MILA PARTECIPANTI, SOLO 42 “PUNTUALI”
Nei libri delle statistiche della Granfondo - che verrà presentata Giovedì 16 Aprile a Bergamo alle ore 11 presso la Sala Trani del Credito Bergamasco – si scoprono dei dati curiosi quanto significativi che rappresentano un importante bagaglio storico per la manifestazione. Dalla storica prima edizione del 5 Maggio 1996 hanno preso parte all’evento 68812 ciclisti, 56957 (pari all’82%) sono riusciti a concludere la prova, mentre 42 atleti, ribattezzati dagli organizzatori di G.M. Sport i “Puntuali”, sono stati capaci di portare a termine tutte le edizioni della manifestazione che porta il nome del campione di Sedrina.

A SELVINO LA CRONOSCALATA PER RICORDARE MERCORIO
Dopo i riscontri positivi delle ultime edizioni, il presidente della società organizzatrice, Giuseppe Manenti, e i suoi collaboratori hanno deciso di riproporre l’appuntamento con la “Cronoscalata Eugenio Mercorio” che premierà i migliori tempi cronometrati sulla salita di Selvino. Dedicata a Eugenio Mercorio, amico della Gimondi e stimato dottore commercialista bergamasco scomparso prematuramente nel 2010, la cronoscalata inizierà dall’abitato di Nembro per concludersi dopo 10,4 Km e 621 metri di dislivello a Selvino (pendenza media 5,1%, pendenza massima 10%).

IL NUMERO RITIRATO: IL #50 DI DAVIDE FARDELLI
Esiste un rapporto affettivo tra la GF Gimondi e i suoi protagonisti, anche con coloro che purtroppo non ci sono più. L’organizzazione dell’evento ha voluto ricordare Davide Fardelli - amico della “Gimondi” deceduto nell’agosto del 2004 in seguito a un tragico incidente stradale in bici - con il ritiro definitivo del dorsale numero 50, indossato da Fardelli nella sua ultima apparizione alla Granfondo. Imprenditore di successo con la passione per il ciclismo, Fardelli aveva conquistato quattro titoli di Campione Bergamasco Udace, un titolo di Campione Regionale e tre tappe vinte al Giro della Provincia Bergamasca.

APPUNTAMENTO DI COPPA PIEMONTE E CIRCUITO EXPO
Anche quest’anno la GF Gimondi ha confermato il consolidato format dei tre percorsi - “corto”, “medio” e “lungo” (89,4 km, 128,8 km, 162,1 km) – e inoltre sarà valida come terzo appuntamento dei circuiti granfondistici Coppa Piemonte e Circuito Expo.

ARTE E BICI. STAVOLTA TOCCA A MARIELLA BETTINESCHI
Nonostante sia un’attività lontana dall’aspetto prettamente sportivo, continua anche nel 2015 il “gemellaggio tra la GF Gimondi e gli artisti bergamaschi che vengono presentati ogni anno al mondo del pedale. La scelta di quest’anno, sotto il personale coordinamento di Angelo Piazzoli, segretario generale del Credito Bergamasco e della Fondazione Creberg, è caduta su Mariella Bettineschi.
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 76330
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Gran Fondo Felice Gimondi 2015

Messaggiodi IW2LBR » mercoledì 15 aprile 2015, 10:39

GF Felice Gimondi Bianchi, il successo è nei numeri

Domani, giovedì 16 aprile a Bergamo, presso la sede del Credito Bergamasco, la Granfondo Internazionale Felice Gimondi Bianchi svela i contorni della 19.sima edizione, in programma domenica 10 maggio ma già da ora in grado di incuriosire e generare aspettativa con una serie di eventi collaterali, tra cui la mostra che proprio la Fondazione Creberg dedicherà all’artista bergamasca Mariella Bettineschi, consolidando un legame tra sport e arte affermatosi ormai da tempo.

In occasione della presentazione, gli organizzatori della GM Sport guidati da Beppe Manenti regaleranno l’anteprima di un’altra iniziativa degna di attenzione. Quest’anno si celebra un anniversario speciale, con i 50 anni dal successo di Felice Gimondi al Tour de France del 1965. Ecco allora il giallo come filo conduttore, la maglia simbolo di una impresa storica ripercorsa attraverso una serie di installazioni, una per ogni tappa, che è il racconto di un’epoca e insieme la storia di un uomo, con la sua forza e le sue debolezze, che diventa gigante alla soglia dei 23 anni. Ogni giornata di quel Tour, tappa dopo tappa, è legata a un sostantivo a sintetizzare lo stato d’animo di un ragazzo che si affaccia al mondo e in tre settimane lo conquista. L’installazione è il risultato dello scambio continuo tra l’idea della Granfondo e l’inesauribile miniera dei ricordi di Gimondi. 22 tappe e 22 simboli, con i riferimenti della strada, il “timbro” del Tour de France, il bianco delle 22 località di arrivo che sfuma nella memoria, il sostantivo che sintetizza il valore di ciascuna giornata, i preziosi mini ciclisti disposti secondo l’ordine d’arrivo, con le maglie originali del 1965. Emozioni fissate nel tempo e nello spazio.

La presentazione, a cui interverrà ovviamente Felice Gimondi, sarà anche l’occasione per tirare le somme della manifestazione che a poco più di tre settimane dallo svolgimento ha già toccato i 2600 iscritti. “Supereremo abbondantemente quota tremila, con l’obbiettivo di avvicinarci alle 3500 – racconta Manenti -. La crisi dopo l’anno di stop nel 2013 è stata definitivamente superata e la nostra Granfondo si conferma più grande e prestigiosa che mai”. Con una crescita di partecipanti stimata intorno al 35%, questa edizione sarà la più internazionale di sempre, con oltre venti Paesi di tutto il mondo rappresentati. “Ciò significa che investendo in promozione e comunicazione, come stiamo facendo, Bergamo avrà negli anni a venire un evento sempre più di successo, ideale per affermare le bellezze della città tra gli appassionati di tutta Europa, e non solo”, conclude Manenti. La Granfondo Gimondi Bianchi si disputa su tre percorsi bellissimi - corto (89,4 km), medio (128,8 km) e lungo (162,1 km) – dando la possibilità ai partecipanti di decidere quale percorrere anche durante la gara.
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 76330
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Gran Fondo Felice Gimondi 2015

Messaggiodi IW2LBR » giovedì 16 aprile 2015, 18:29

Gimondi aggiunge un sogno alla Granfondo dei ricordi

“Il 10 maggio mi piacerebbe rivedere il podio del mio Tour de France: io, Raymond Poulidor, Gianni Motta”. Felice Gimondi ha un sogno da realizzare nell’evento che tra poco più di tre settimane a Bergamo celebrerà la sua storica vittoria in maglia gialla nel Tour de France 1965. La macchina organizzativa della Granfondo Internazionale Felice Gimondi Bianchi procede a pieno ritmo. Oggi, 16 Aprile, presso la sede del Credito Bergamasco, è stata presentata della 19ª edizione, in programma domenica 10 maggio, una passerella gialla arricchita dalle 22 installazioni speciali realizzate per rievocare ognuna delle tappe che portò Gimondi alla conquista di Parigi. È una data che tutti gli appassionati aspettano con curiosità ed emozione, per pedalare insieme a Gimondi sui tre bellissimi percorsi predisposti dall’organizzazione della GM Sport guidata da Beppe Manenti. Sono previsti circa 3500 iscritti, che significa una crescita dei partecipanti stimata intorno al 35% rispetto allo scorso anno. Al via, inoltre, saranno rappresentati circa 25 Paesi di tutto il mondo, con una ricaduta molto significativa per Bergamo e il suo territorio in fatto di visibilità e promozione internazionale.

Anche Bianchi, naming sponsor dell’evento, ha un anniversario da festeggiare, i 130 anni ed inviterà a Bergamo circa 200 ospiti e personaggi di spicco provenienti da tutto il mondo. A braccetto con un’azienda che sulle glorie passate (molte legate proprio al nome di Felice Gimondi) ha costruito un presente di grande successo e prestigio sui mercati internazionali – quale sinonimo di stile, perfezione e tecnologia d’avanguardia – la Granfondo rende esplicita la sua voglia di ampliare gli orizzonti fino a diventare un grande appuntamento di riferimento per la comunità ciclistica internazionale. Quest’anno ci sarà anche la coincidenza con Expo, come ha sottolineato Antonio Rossi, Assessore allo Sport della Regione Lombardia. “Gimondi è un testimonial di Expo e un personaggio che dà prestigio all’Italia. Festeggiare con lui i cinquant’anni della maglia gialla è un’emozione da non mancare, ed anche quest’anno voglio essere al via”. Anche lui, come ogni partecipante, potrà scegliere uno dei bellissimi percorsi: 89,4 km (corto), 128,8 km (medio) e 162,1 km (lungo), lungo i quali saranno al lavoro 60 motostaffette, 240 addetti agli incroci, 40 radioamatori, 40 autovetture fra mezzi di emergenza e carri scopa e 70 operatori sanitari. La sicurezza e il rispetto all’ambiente (la la predisposizione delle ecozone dopo i ristori) sono più che mai una priorità per gli organizzatori.

Molte le iniziative collaterali, tra le quali il consueto matrimonio tra sport ed arte quest’anno dedicato a Mariella Bettineschi. “Tutto ci fa credere che sarà una grande manifestazione, come merita lo storico anniversario che tutti insieme festeggeremo con Felice Gimondi. Anche i 130 anni di Bianchi sono l’occasione per consolidare un legame che va ben oltre aspetti di puro marketing. Con Bianchi condividiamo un’identità e una cifra qualitativa che si specchiano nell’integrità del nostro campione-simbolo,” conferma lo storico patron della manifestazione, Beppe Manenti.
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 76330
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Gran Fondo Felice Gimondi 2015

Messaggiodi IW2LBR » mercoledì 29 aprile 2015, 17:31

Arrivata a quota 3.600 (partecipanti) la Gran Fondo Felice Gimondi Bianchi può prendere atto di un successo garantito. “Abbiamo ancora qualche decina di numeri disponibili – spiega l’organizzatore Giuseppe Manenti – sappiamo che andranno via in poche ore e che molti altri ce ne verranno chiesti. Ma è giusto non andare oltre. Abbiamo raggiunto il nostro obbiettivo, dopo la ripresa nel 2014 siamo tornati ad essere una grande Granfondo, anche numericamente”. Domenica 10 maggio è vicina, ma tutto è pronto già da ora. Nel quartier generale della GM Sport, a Bergamo, l’improvvisazione non esiste: “Andare oltre con le iscrizioni – continua Manenti – significherebbe comunque dover rinunciare a qualche piccolo dettaglio, ed è quello che non vogliamo fare. La Granfondo Gimondi Bianchi è un riconosciuto esempio di cura organizzativa, di sicurezza. Chi partecipa a questa manifestazione sa che qui tutto è predisposto per funzionare alla perfezione”. Ormai il quadro, in attesa che anche gli ultimi numeri gara disponibili trovino un fortunato possessore, è ben definito. La Granfondo dedicata ai 50 anni della maglia gialla di Felice Gimondi al Tour de France 1965 sarà la più globale di sempre, con 28 nazioni rappresentate. Anche il main sponsor Bianchi ha dato un forte tocco di internazionalità convogliando quasi 200 ospiti da tutto il mondo a Bergamo per festeggiare i 130 anni di vita dell’azienda. Gli ingredienti per vivere una giornata memorabile ci sono tutti. “Abbiamo superato brillantemente la crisi del 2013, quando dovremmo rinunciare per problemi alla viabilità. Poteva essere un colpo letale ed invece siamo ripartiti più forte di prima, con i 2300 partecipanti dello scorso anno, una grande dimostrazione di fiducia e di stima. Il successo di quest’anno ci dice che possiamo guardare con serenità e ambizione all’edizione del ventennale”, spiega Manenti.

La GM Sport ha un database avanzatissimo dal quale emergono cifre interessanti, una su tutte: il 30% degli iscritti è al di sotto dei quarant’anni, e questo conferma lo straordinario trend favorevole della bicicletta e l’ormai consolidato legame con i giovani. La Granfondo Gimondi Bianchi registra anche un quasi 6% di partecipanti donne, contro un dato medio nelle altre manifestazioni che si aggira sul 4%. Che l’evento di Bergamo funzioni se ne sono accorti in tanti, a giudicare dal numero di nuove aziende sponsor che si sono affiancate ai partner internazionali, come pure alla presenza di media internazionali. “Questo è un evento di grandissime potenzialità, spero che prima o dopo anche la città ne acquisisca maggiore consapevolezza”, è l’ultimo commento di Manenti.
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 76330
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Gran Fondo Felice Gimondi 2015

Messaggiodi IW2LBR » giovedì 7 maggio 2015, 12:27

La GF Felice Gimondi Bianchi fa salire la febbre gialla

Sale la febbre gialla della Granfondo Felice Gimondi-Bianchi: siamo a meno tre dal grande giorno. Sale perché la ricorrenza – i cinquant’anni della maglia gialla di Felice al Tour de France 1965 – è davvero di quelle che fanno tremare i polsi. Sale perché questa 19.sima edizione ha tutto per essere speciale e autenticamente globale, con rappresentanti di 30 nazioni al via. Sale perché la contemporanea celebrazione dei 130 anni di Bianchi, il main sponsor, conferisce all’evento un clima di festa ancora maggiore.

Nella provincia di Bergamo fervono i preparativi per l’appuntamento di domenica. Presso la segreteria della GM Sport i telefoni bruciano, come nella norma, anzi di più. “Abbiamo annunciato che le iscrizioni sono definitivamente chiuse, ma sembra quasi che l’effetto sia stato quello contrario. Siamo letteralmente subissati di richieste che non possiamo soddisfare. – spiega Giuseppe Manenti, responsabile della macchina organizzativa – E’ difficile per noi dare una delusione ai tanti appassionati che purtroppo si sono ridotti all’ultimo momento, ma davvero non possiamo fare eccezioni”. Dopo la promettente ripresa del 2014, superato un anno di pausa forzata, la Granfondo Gimondi-Bianchi sta dunque tornando sulla scena internazionale delle Granfondo come uno degli appuntamenti di riferimento per chi vuole affrontare una gara spettacolare e impegnativa rassicurato da una macchina organizzativa degna di una grande corsa professionistica. “Già durante l’inverno – racconta Manenti – avevamo avuto sentore del grande interesse intorno al nostro evento. Il fascino di un personaggio con Felice Gimondi è rimasto inalterato dopo 50 anni e ne abbiamo avuta riprova nei nostri tour europei per promuovere la manifestazione”. Numerosa anche la presenza dei media internazionali. Sabato la sala stampa sarà aperta dalle ore 12 al “Lazzaretto”, nei pressi dello stadio di Bergamo, dove in queste ore sta prendendo forma anche l’Expo, e dove l’esercito dei granfondisti si riverserà una volta completata la fatica. Il meteo annuncia sole per domenica: scongiuri a parte, la Granfondo Gimondi Bianchi 2015 sembra baciata dal destino.

Bergamo, 7 Maggio 2015
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 76330
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Gran Fondo Felice Gimondi 2015

Messaggiodi IW2LBR » sabato 9 maggio 2015, 14:15

Bergamo abbraccia la granfondo universale

Saranno 3740 i partecipanti domattina al via della 19ª GF Internazionale Felice Gimondi Bianchi, con 30 paesi di tutto il mondo rappresentati. Biciclette dappertutto. Mancano poche ore al via della 19ª Granfondo Internazionale Felice Gimondi Bianchi e la città di Bergamo è ormai pienamente immersa nell’atmosfera dell’evento. Giallo dappertutto: Felice Gimondi festeggia domani i 50 anni di quel memorabile Tour de France, una favola sportiva negli anni del boom economico, grazie ad un ragazzo sbocciato di colpo nell’estate 1965, un campione in erba che sarebbe poi diventato mito.

Celeste dappertutto. La celebrazione dei 130 anni di Bianchi, main sponsor della manifestazione, è l’altra motivazione forte di questa edizione che amplia la sua dimensione internazionale, con partecipanti provenienti da 30 nazioni. Sin da questa mattina all’alba l’invasione è cominciata, ma in perfetto ordine. Una organizzazione di altissimo livello, paragonabile a quella di una corsa professionistica di valore mondiale, ha studiato tutto nei minimi particolari ed ogni partecipante trova qui a Bergamo l’atmosfera ideale. Il tempo è buono e domani sarà altrettanto, la festa è garantita. Sono 3740 i granfondisti pronti a sfidarsi, domenica 10 maggio, sulle strade della Provincia di Bergamo, scegliendo uno dei tre percorsi, tutti rigorosamente “green”: quello più breve di 89,4 chilometri (1209 metri di dislivello), il medio di 128,8 chilometri (1623 metri di dislivello) o il lungo di 162,1 chilometri (2479 metri di dislivello). Tutti i percorsi condividono salite mitiche del ciclismo come il Colle del Gallo e il Selvino, mentre il più lungo affronta tra l’altro la Forcella di Berbenno e la salita di Costa Valle Imagna (1036 metri di quota).

All’interno del “Lazzaretto” – il quartier generale dell’evento, una distesa di 10mila metri quadrati dedicati a tutti i servizi, dalla consegna dei pacchi gara al "Gimondi Expo" - i preparativi scorrono senza frenesia. Domani dopo la gara tutti si riverseranno qui, insieme appassionatamente, per gustare il pasta party e godere un paio d’ore di relax. Nell'area vip invece sarà possibile ammirare una serie di artistiche installazioni (una per ogni tappa del Tour 1965) che raccontano in forma tridimensionale la storia dell’uomo Gimondi, di una corsa e di un’epoca. Un lavoro prezioso, realizzato sul filo delle emozioni.

Dopo la pausa forzata del 2013 per problemi legati alla viabilità e la promettente ripresa nel 2014, la Granfondo Gimondi Bianchi ha ritrovato dunque il suo ruolo naturale di evento di riferimento in un settore in forte sviluppo. La “Gimondi” si distingue da sempre per l’aspetto tecnico-organizzativo, come testimonia lo spiegamento di mezzi a garanzia della sicurezza: 60 motostaffette, 240 addetti agli incroci, 40 radioamatori, 40 mezzi di emergenza, 70 operatori sanitari. Comprensibile il rammarico per i molti che hanno fatto richiesta di iscrizione fuori tempo massimo e dunque non potranno essere al via. Una gara come questa non è cosa di tutti i giorni. Ma adesso il gran giorno è arrivato: domattina alle ore 7:00 a Via Marzabotto si parte.
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 76330
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Gran Fondo Felice Gimondi 2015

Messaggiodi IW2LBR » lunedì 11 maggio 2015, 13:54

....
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 76330
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Gran Fondo Felice Gimondi 2015

Messaggiodi IW2LBR » lunedì 11 maggio 2015, 13:54

...
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 76330
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

PrecedenteProssimo

Torna a Cicloturismo e Mountain Bike in Valle Brembana

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti