Cinghiale Valle Brembana - Alpi e Prealpi Orobie

Le numerose specie di animali selvatici nelle Alpi Prealpi Orobie e specificatamente in Valle Brembana

Moderatore: IW2LBR

Re: Cinghiale Valle Brembana - Alpi e Prealpi Orobie

Messaggiodi Subiot » giovedì 6 giugno 2013, 22:48

Come li trovi questi maremmani di carattere rispetto al segugio italiano?

Non posso certamente qualificarmi come esperto con questi tipi di cani
Ti posso solo dire la mia impressione
Di segugi italiani in questi due anni ne abbiamo provati una muta di tre esemplari di proprietà di uno dei componenti la squadra. Li ho visti molto timorosi nei confronti del cinghiale, tanto che il propritario si è incavolato piu di una volta perchè succedeva che rifiutassero la seguita ..con i cinghiali a pochi metri. Un'altra volta un segugio italiano è ritornato dal padrona quando, giunto su di una femnmina di 80 kg, ha lascito il dacsbrake a battere da solo a fermo sulla stessa. Il maremmano mi pare sicuramente più deciso e aggressivo. L'unico problema è che sono cani giovani si perdono volentieri su selvaggina non bersaglio. Rispetto al dake hanno dalla loro una gamba piu lunga, quindi una seguita piu incisiva ed efficace. Non sempree però alle poste apprezzano la velocità .....
GIU' LE MANI DALL'ORSO..
Avatar utente
Subiot
 
Messaggi: 1234
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2008, 12:29
Località: Sedrina 342 m.l.m.

Re: Cinghiale Valle Brembana - Alpi e Prealpi Orobie

Messaggiodi indifranck » giovedì 6 giugno 2013, 22:59

Il cinghiale da una analisi dei denti sembra avere circa 6-7 anni. Chi l'ha visto e abbattuto riferisce che ad una analisi morfologica pare del tutto normale. Penso che siano in corso analisi genetiche, devo chiedere.
In effetti le difese sono poco appariscenti, chiederò se sono state misurate.
Secondo te quindi una popolazione in assenza di un prelievo venatorio significativo può avere animali più grandi di altre. Ma a tuo modo di vedere è una questione semplicemente probabilistica o dovuta al fatto che le popolazioni non sottoposte a prelievo hanno meno disturbo?
Sono cani interessanti, ho un caro amico e collega toscano, allevatore e canaio in una squadra. Ho seguito l'evoluzione dei suoi cani da quando è partito con i segugi italiani (che ora tiene solo per le lepri) a quando è passato al maremmano che mi è sempre sembrato un po' più tosto dei cugini italiani, sia con il selvatico che con gli altri cani. Un po' più sanguigno insomma oltre che un po' più strutturato come ossatura.
indifranck
 
Messaggi: 54
Iscritto il: lunedì 18 marzo 2013, 18:57

Re: Cinghiale Valle Brembana - Alpi e Prealpi Orobie

Messaggiodi Fabius » sabato 8 agosto 2015, 19:03

Ieri mi trovavo in ValGandino e proprio in vetta al monte ho sentito nascosto in un cespuglio un cinghiale a qualche mt. da me! a_19 Ho fatto un gran baccano a_39 , ma ci ho messo un po' per farlo scappare, probabilmente l'ho preso di sorpresa; devo dire che mi son spaventato perchè è la prima volta che mi capita questo tipo di incontro a_11.
Vorrei quindi chiedere a nome di tutti, che comportamento bisogna attuare per non essere attaccati dai cinghiali, e, nel caso succedesse, come difendersi? a_45
La felicità dell'uomo sta nella natura selvaggia.
Fabius
 
Messaggi: 2145
Iscritto il: giovedì 25 dicembre 2008, 11:52
Località: Bergamo Nord (alt.295mt.)

Re: Cinghiale Valle Brembana - Alpi e Prealpi Orobie

Messaggiodi IW2LBR » sabato 8 agosto 2015, 19:31

Cronaca di questi giorni:

Aggrediti da cinghiali: un morto e un ferito a Cefalù

L’uomo, Salvatore Rinaudo, è morto. La moglie Rosa, 73 anni, è ricoverata all'ospedale di Cefalù dove è stata trasportata dal 118: ha diverse ferite, ma è cosciente e non è comunque considerata in pericolo di vita. I due, marito e moglie erano in una casa in campagna, sulle colline della cittadina marittima e a qualche chilometro dal centro abitato. "Mio marito è uscito con i cani questa mattina, come fa sempre per una passeggiata", ha raccontato la donna ai soccorritori, "Ho visto che si era fermato perché i cani hanno iniziato ad abbaiare ad un gruppo di cinghiali". A quel punto l'aggressione: "Mio marito si è messo in mezzo per salvare i cani. A questo punto i cinghiali gli sono saltati addosso. Io per cercare di recuperare il corpo sono uscita fuori e l’ho tirato dentro casa. Mentre cercavo di prenderlo e portarlo in casa sono stata aggredita anche io. Non ci sono parole per descrivere quello che ho visto. Sono distrutta". Secondo la prima ricostruzione dei carabinieri, comunque, ad aggredire ed uccidere Rinaudo è stato non un branco di cinghiali ma un solo esemplare, di grossa stazza, forse attirato dal vicino corso d’acqua. È stata la donna stessa, rientrata in casa, a telefonare e a chiedere aiuto al figlio, che abita nella stessa contrada, e che - immediatamente intervenuto - ha chiamato i soccorsi. Per il padre, però, non c’è stato niente da fare. Da tempo alcuni sindaci delle Madonie, soprattutto quelli dei comuni montani, segnalano i rischi dovuti al numero crescente di cinghiali nel territorio. "Un disastro annunciato da tempo sul quale, nonostante le reiterate richieste ben documentate dell’ente parco delle Madonie (di cui però la zona dell'aggressione non fa parte, ndr), il legislatore non ha ancora preso gli idonei provvedimenti, lasciando al caso ed alla fortuna la risoluzione di un problema atavico. Ora il tempo è scaduto", dice il presidente del parco, Angelo Pizzuto, "Ho partecipato a decine di riunioni e tavoli tecnici, in cui abbiamo proposto, fin dal 2010, l’unico sistema ritenuto idoneo a frenare il proliferare di questi animali ibridi inselvatichiti, e cioè l’abbattimento selettivo supervisionato dalle forze dell’ordine, sul quale abbiamo anche riscosso il favore delle autorità, ma finora nulla è cambiato".
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 75781
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Cinghiale Valle Brembana - Alpi e Prealpi Orobie

Messaggiodi Subiot » lunedì 10 agosto 2015, 10:05

Ieri mi trovavo in ValGandino e proprio in vetta al monte ho sentito nascosto in un cespuglio un cinghiale a qualche mt. da me! a_19 Ho fatto un gran baccano a_39 , ma ci ho messo un po' per farlo scappare, probabilmente l'ho preso di sorpresa; devo dire che mi son spaventato perchè è la prima volta che mi capita questo tipo di incontro a_11.
Vorrei quindi chiedere a nome di tutti, che comportamento bisogna attuare per non essere attaccati dai cinghiali, e, nel caso succedesse, come difendersi?

Visto l'episodio di ieri, e le cosiderazioni di Fabius, sono doverose alcune precisazioni. Quello che è accaduto in Sicilia è accaduto all'interno del Parco delle Madonie, una zona dove i cinghiali, non controllati, hanno proliferato a dismisura e dove l'attuale consistenza numerica non è più tollerabile. Li debbono per forza intervenire con un piano straordinario di riduzione della specie, ma si sa come vanno le cose in Italia: sarà sufficiente il ricorso di qualche associazione pseudo ambientalista e tutto si bolcca (come dichiarato dai Sindaci della zona). Stavolta però c'è di mezzo il morto e forse gli addetti si danno la "svegliata". Ritengo che in Italia non debbano esistere aree dove non si possa insidiare questo animale poichè questi ne approfitta subito ....
Quella siciliana è una situazione al limite, che non esiste qui da noi. Ricordo a tutti che, ad esempio, nel Parco dei Colli di Bergamo, nell'area a riserva Naturale, con molto pragmatismo la specie è contenuta costantemente tutto l'anno. Ergo: i cinghiali vengono presi schioppettate tutto l'anno, anche se siamo in un Parco, e qundi non ci sono grossi problemi convivenza con l'uomo .....

In merito a quanto chiesto da Fabius posso confermare che nel caso in cui ci si imbatta in un cinghiale la cosa migliore da fare è del baccano: il cinghiale quasi sempre si allonta spontaneamente. Se non si allontana significa semplicemente che il "cespuglio in cui è rintanato" è ritenuto sufficientemente sicuro per dargli protezione, quindi inutile insistere,allontanatevi e lasciate perdere.... Ho visto cinghiali bolccati a fermo dai cani che rimangono ore addossati ad un ceppo di una pianta, o sotto a un cespuglio, pronti a rispondere ad ogni colpo subito dai cani.

Diverso è il caso se vi piace girare in montagna acompagnati dal vostro cane: se ha l'inclinazione innata di inseguire la selvaggina è molto probabile che vada a ficcarsi nei guai da solo, ovvero può sentire la pista di passaggio di un gruppo di cinghiali ed andarli a cercare infischiandosene dei vostri richiami per farlo tornare indietro. Quindi consiglio di non addentrarsi in zone con presenza di cinghiali con un cane particolarmente incline a seguire la selvaggina: oltre che mettere nei guai voi rischia anche di rimetterci la pelle lui ....

a_14 a_14 a_14 a_14 a_14
GIU' LE MANI DALL'ORSO..
Avatar utente
Subiot
 
Messaggi: 1234
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2008, 12:29
Località: Sedrina 342 m.l.m.

Re: Cinghiale Valle Brembana - Alpi e Prealpi Orobie

Messaggiodi IW2LBR » sabato 9 luglio 2016, 15:01

da L'Eco di Bergamo

Allarme: alle porte della città, avanza l’invasione dei cinghiali

Non accenna a diminuire, anzi, si accentua progressivamente, il problema della proliferazione dei cinghiali nella parte Nord ed Est (dal Canto Alto al Colle della Maresana e dintorni) del territorio del Parco dei Colli (in pratica 6 Comuni su 10, da Villa d’Almé a Ranica). E questo nonostante l’impegno degli enti coinvolti (Parco dei Colli, polizia provinciale e operatori faunistici volontari) per l’attuazione del piano di eradicazione. Gli avvistamenti si fanno sempre più frequenti, e creano apprensione in particolare in due punti critici: l’attraversamento in alto lungo via Maresana e l’avvicinamento alla città sul versante al di sopra del quartiere Monterosso. Per ora la «barriera ecologica» dell’ex statale 470 tiene riparata la parte Ovest, ma la minaccia è seria per boschi, prati e coltivazioni di pregio all’interno del Parco. Particolarmente ricorrenti le segnalazioni, di notte e alle prime luci dell’alba, di cinghiali, soprattutto femmine con al seguito numerosi piccoli. Con l’intento di salvaguardare le aree protette del suo territorio, il Parco già nel 2010 aveva approvato uno specifico Piano biennale di eradicazione del cinghiale secondo le linee del ministero dell’Ambiente e il parere dell’Ispra. Complessivamente dal 2011 a oggi sono stati abbattuti 265 capi. Spiega il responsabile del piano, architetto Pierluigi Rottini: «Secondo i dati riferiti agli abbattimenti, la diminuzione del numero di cinghiali c’è stata, anche se il Parco, non essendo isolato, subisce il fatto che gli animali provengono da altre zone limitrofe. Gli operatori faunistici volontari, di fatto, svolgono la loro attività da ottobre a marzo, i recinti e le “girate” con i cani sono risultate per la maggior parte inefficaci, per cui viene utilizzato il metodo dell’appostamento fisso previa pasturazione. Le squadre degli operatori faunistici volontari, e solo loro, possono intervenire tutto l’anno in tutte le aree del Parco ove vi sono segnalazioni. Per ora le segnalazioni sono solo 10 all’anno».
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 75781
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Cinghiale Valle Brembana - Alpi e Prealpi Orobie

Messaggiodi Subiot » sabato 9 luglio 2016, 18:55

Mah, l'articolo milascia parecchio perplesso...
Non ho notizie dirette,ma mi pare che in Maresana la situazione non sia cosi tragica come descritta nell'articolo
Che degli animali arrivino in Maresana dalla zona della Valle Seriana, dove non c'è controllo (Alzano,Ranica,Nembro in sponda orografica destra) è vero .
In riferimento all'attività di controllo i dati, non diffusi dall'articolista, ed utili a comprendere il fenomeno "cinghiale nel Parco", sono i seguenti
I cinghiali andati all'asta dal 2011 nel Parco dei Colli sono i seguenti:
2011 52 cinghiali
2012 82 cinghiali
2013 46 cinghiali
2014 33 cinghiali
2015 28 cinghiali
2016 25 cinghiali

L'ultimo cinghiale andato all'asta (stamattina) è un maschio di 61,5 kg (pulito)
Come si evince dalla serie storica è chiaro e lampante che i cinghiali sono enormemente diminuiti all'interno del Parco, complice anche la carenza di castagne avuta negli ultimi 4 anni (dovuta all'arrivo del cinipide galligeno del Castagno). Infatti le femmine non avendo alimentazione sufficente non vanno in estro e non si riproducono.

Per la cornaca: ieri sera anche la squadra Brembana e Imagna ha messo "sotto controllo" un cinghiale maschio di 100 kg che faceva casini in quel di Miragolo di Zogno. Quest'anno è il secondo maschio che viene prelevato con il controllo estivo. Se riesco a recuperare una foto la posto ......Mi dicono che ha delle zanne molto sviluppate.

a_14 a_14 a_14 a_14
GIU' LE MANI DALL'ORSO..
Avatar utente
Subiot
 
Messaggi: 1234
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2008, 12:29
Località: Sedrina 342 m.l.m.

Re: Cinghiale Valle Brembana - Alpi e Prealpi Orobie

Messaggiodi Subiot » domenica 10 luglio 2016, 18:33

Ecco le cosiddette "difese" del cinghiale prelevato a Miragolo di Zogno l'08/07/2015
Mi è capitato raramente di vedere deelle difese cosi sviluppate
Sarà interessante capire l'età dell'animale

a_19 a_19 a_19 a_19 a_19

Immagine
GIU' LE MANI DALL'ORSO..
Avatar utente
Subiot
 
Messaggi: 1234
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2008, 12:29
Località: Sedrina 342 m.l.m.

Re: Cinghiale Valle Brembana - Alpi e Prealpi Orobie

Messaggiodi Subiot » domenica 10 luglio 2016, 18:34

Immagine
GIU' LE MANI DALL'ORSO..
Avatar utente
Subiot
 
Messaggi: 1234
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2008, 12:29
Località: Sedrina 342 m.l.m.

PrecedenteProssimo

Torna a Fauna Selvatica Alpi Prealpi Orobie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite