Lupi in Valle Brembana - Alpi e prealpi Orobie

Le numerose specie di animali selvatici nelle Alpi Prealpi Orobie e specificatamente in Valle Brembana

Moderatore: IW2LBR

Re: Lupi in Valle Brembana - Alpi e prealpi Orobie

Messaggiodi IW2LBR » mercoledì 5 dicembre 2018, 7:15

Immagine
da L'Eco di Bergamo di Giovanni Ghisalberti

Lupo fotografato di giorno a Cassiglio. Ritorno ormai certo

L’avvistamento. Un giovane esemplare di canide ripreso due volte nei pressi di una pozza d’acqua
La Regione: potenzieremo le difese per gli alpeggiatori


Immagine

A detta degli esperti la foto lascia pochissimi margini di dubbio. Le caratteristiche sono quelle del lupo. Un lupacchiotto, per la precisione, ovvero un giovane esemplare. È quello finito in una fototrappola, per due volte – al mattino del 9 settembre, e poi nel pomeriggio del giorno dopo – nella Valle di Cassiglio, intorno ai 1.400 metri di quota. Lo si vede avvicinarsi e poi lasciare un laghetto dove si era probabilmente abbeverato. L’immagine è quella scoperta nei giorni scorsi nella fototrappola installata da Andrea Galizzi, 44 anni, di San Pellegrino, cacciatore del Comprensorio venatorio alpino della Valle Brembana, tra i collaboratori di un progetto sul monitoraggio dei cervi, avviato da circa due anni con l’Università di Pavia. Progetto che fa uso di fototrappole, nelle quali, ovviamente, possono «cascare» anche animali diversi dagli ungulati oggetto di ricerca. «Le immagini sono state subito inviate alla Polizia provinciale che ha comunicato la presenza e le fotografie ai tecnici del progetto Life Wolf Alps – spiega Galizzi –. Tecnici che raccolgono tutti i dati sulla presenza del lupo sulle Alpi per monitorarne la presenza e il costante incremento. La zona in cui è stato ripreso è poco frequentata dall’uomo, anche se il sentiero Cai 101 è vicino. E questo ha probabilmente permesso gli scatti in pieno giorno. Le foto, come da parere richiesto a esperti, evidenziano le caratteristiche tipiche del lupo, anche se la certezza assoluta si potrebbe avere solo tramite analisi genetiche di resti organici».

«Ormai la presenza del lupo anche in Bergamasca comincia a essere più frequente – continua Galizzi –. Sull’arco alpino le due popolazioni stabili più numerose si trovano ai due estremi: Piemonte e Veneto-Trentino e la previsione è che il lupo con il tempo colonizzi stabilmente anche la parte centrale delle Alpi». «In Lombardia – precisa Elisabetta Maria Rossi, funzionario regionale – è presente un branco di 4-5 esemplari che si sposta tra Como e il Canton Ticino. Recentemente è stata trovata una femmina morta, per cause naturali. Quanto alla Bergamasca, abbiamo avuto una segnalazione con fototrappola l’aprile scorso (notturna, a Valleve, ndr), quindi altri presunti avvistamenti a settembre. Ancora una settimana fa uno a Valleve, ma quest’ultimo non è certo, potrebbe essere un cane selvatico». Nell’agosto 2017 per la predazione di 32 pecore, a Foppolo, si era messo sotto accusa proprio un lupo. Così lo scorso aprile, alcuni caprioli sarebbero stati sbranati da un altro esemplare. «Continuiamo il monitoraggio - prosegue Rossi - e in accordo con Ersaf potenzieremo le attività di prevenzione, tramite recinzioni, per gli allevatori in alpeggio». Intanto, però, nelle province di Trento e Bolzano (e sulla stessa strada c’è il Veneto), è stata reintrodotta, dopo decenni, la possibilità di abbattimento dei lupi.
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 75710
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 19:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Precedente

Torna a Fauna Selvatica Alpi Prealpi Orobie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite