Orso in Valle Brembana - Alpi e Prealpi Orobie

Le numerose specie di animali selvatici nelle Alpi Prealpi Orobie e specificatamente in Valle Brembana

Moderatore: IW2LBR

Re: Orso in Valle Brembana - Alpi e Prealpi Orobie

Messaggiodi spaziaperti » lunedì 17 ottobre 2016, 21:32

Settimana scorsa sono stato per 3 giorni a Trento. Un giorno è stato dedicato a giro sul monte Bondone. Paesaggi bellissimi, ma devo dire che purtroppo visto i cartelli che informavano della presenza dell'orso in zona, non mi sono spinto a più di 500 m dalla strada asfaltata, e anzi se avessi letto questa sezione del forum prima di oggi, non ci sarei proprio andato. Purtroppo penso che orienterò le mie vacanze in montagna in zone dove non vi siano avvistamenti dell'orso. Non avrei mai pensato di dover rinunciare a gite, ovvero farle in forma ridottissima e con ansia per la presenza di animali pericolosi. Peccato veramente.
Sette volte bosco, sette volte prato,poi tutto tornerà com'era stato.
spaziaperti
 
Messaggi: 50
Iscritto il: martedì 14 ottobre 2008, 17:54
Località: confine Milano-Lecco-Bergamo 215 m

Re: Orso in Valle Brembana - Alpi e Prealpi Orobie

Messaggiodi IW2LBR » lunedì 14 agosto 2017, 6:56

Trentino, l’orsa KJ2 è stata abbattuta: «Era pericolosa»

«Ricercata». Aveva già aggredito due escursionisti L’«esecuzione» disposta dal presidente della Regione «Assolutamente necessario, poteva colpire ancora»

Alla fine è stata abbattuta. L’orsa KJ2 era ricercata ufficialmente fino dal 22 luglio scorso, dopo avere ferito abbastanza seriamente un uomo che passeggiava assieme al suo cane in un bosco nella zona dei laghi di Lamar, in Trentino. Il plantigrado è stato abbattuto da agenti del Corpo forestale della Provincia autonoma di Trento, che hanno agito in esecuzione di un’ordinanza del governatore Ugo Rossi, emessa per la sicurezza delle persone. L’orsa era accusata di avere ferito un altro turista, attaccato mentre stava compiendo un’escursione nella zona di Cadine nel 2015. L’abbattimento ha causato naturalmente molti commenti polemici da parte di protezionisti e animalisti, ma a sostenere la necessità di questa misura estrema è intervenuto in maniera decisa, a cose fatte, il governatore Rossi: «Ora – ha detto – siamo qui a commentare l’abbattimento di un orso, ma se quest’esemplare avesse avuto un altro incontro, magari con un bambino, e ci fosse stato un altro ferito o qualcosa di più grave, saremmo qui a fare altri commenti». «È chiaro – ha aggiunto Rossi – che in un periodo come questo, sotto Ferragosto e in un’area popolata e fra quantità di turisti e di residenti, tutte le regole scientifiche e giuridiche indicano che ciò che è stato fatto era un’assoluta necessità». «In tutto il mondo – ha detto ancora Rossi – quando il pericolo sale oltre una certa soglia si procede all’abbattimento per garantire la sicurezza delle persone». Rossi ha assicurato che non abbandonerà il progetto «Life Ursus», che aveva reintrodotto l’orso in Trentino. L’iniziativa – ha ammonito – dovrà essere modificato: «All’inizio – ha spiegato – si pensava che gli animali avrebbero popolato un’area più vasta, mentre oggi si dimostratente del dovuto e così Daniza morì. La presenza dell’orso sui monti non solo del Trentino, ma anche del vicino Alto Adige, ultimamente ha causato molte polemiche e commenti, anche perché alcuni esemplari hanno cominciato ad attaccare greggi di pecore, causando qualche danno agli allevatori. E così in tutta la regione è stato messo in discussione il progetto «Life Ursus», introdotto per ripopolare l’area alpina con un animale che sembrava destinato alla scomparsa. Il progetto «Life Ursus» per il reinserimento dell’orso sulle montagne trentine viene concepito negli Anni Novanta, quando ci si rende conto che la popolazione di plantigradi, da sempre presente nelle Dolomiti di Brenta, è sempre più esigua e vicina all’estinzione. Il progetto viene promosso dal Parco Naturale Adamello-Brenta, in collaborazione con la Provincia autonoma di Trento e con l’Istituto nazionale per la fauna selvatica e finanziato dall’Unione europea. Dopo uno studio di fattibilità e un sondaggio di opinione tra la popolazione delle aree interessate, nel 1999 vennero catturati nelle riserve di caccia della Slovenia due giovani orsi, Masun e Kirka, e immessi nei boschi del Parco. Tra il 2000 e il 2002 furono liberati altri otto esemplari. Ora gli orsi sono parecchie decine e sono incominciati anche i problemi.
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 75882
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 19:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Orso in Valle Brembana - Alpi e Prealpi Orobie

Messaggiodi elio.biava » domenica 5 novembre 2017, 21:04

Da Bergamo News, ieri sera in paese a Valleve, avrebbe girovagato un orso (oltre allo sciacallo che era già stato immortalato in estate ai Carisoli, fototrappolati entrambi).
a_34 a_19

Immagine
Ultima modifica di elio.biava il lunedì 6 novembre 2017, 8:31, modificato 3 volte in totale.
Moderatore Immagini Antiche
"tra i monti Alben e Regaduro nel canalone i suoi compagni lo trasportarono per sentieri scoscesi tra boschi e pascoli fino a Sottochiesa, adagiato su una rozza scala a pioli ricoperta di fronde"
Avatar utente
elio.biava
 
Messaggi: 2901
Iscritto il: lunedì 18 aprile 2011, 10:38
Località: Fraggio-Fractum 995 slm, ex dogana veneta, Taleggio (BG) "sèm a baita"

Re: Orso in Valle Brembana - Alpi e Prealpi Orobie

Messaggiodi Alfredo64 » domenica 5 novembre 2017, 22:04

Pare proprio di si Elio...!
L'orso comunque si trova in zona da circa 4-5 settimane...!
Ciao
Alfredo64
 
Messaggi: 17
Iscritto il: venerdì 2 marzo 2012, 21:46

Precedente

Torna a Fauna Selvatica Alpi Prealpi Orobie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti