Piani dell'Avaro: il Cristo Redentore

Informazioni news, cronaca, curiosità dalla Valle Brembana, Segnalazioni utili

Moderatore: IW2LBR

Re: Piani dell'Avaro: il Cristo Redentore

Messaggiodi alvin 51 » martedì 7 luglio 2015, 20:01

kikko54 ha scritto:quello che non si capisce ... chiudere l'attività prima della stagione estiva ... mah proprio strano !!! C'ero stato un paio di volte a maggio e mi pareva un pò seccato per il bar/ristoro che gli era stato aperto roprio davanti ... ma da lì a chiudere ce ne passa ...

tranqui che dietro c'è una storia lunga e dolorosa, e la chiusura non è stata una decisione affrettata, credimi. a_45
Avatar utente
alvin 51
 
Messaggi: 2492
Iscritto il: venerdì 20 aprile 2012, 20:49
Località: San giovanni bianco 410 mslm.

Re: Piani dell'Avaro: il Cristo Redentore

Messaggiodi kikko54 » mercoledì 8 luglio 2015, 0:26

è solo che me ne dispiace ... l'Oscar era persona gentile e disponibile .... ci si chiacchierava bene e la cucina non era male ;-)
Avatar utente
kikko54
 
Messaggi: 427
Iscritto il: lunedì 30 gennaio 2006, 20:59
Località: Imagnaland BG (700 mt)

Re: Piani dell'Avaro: il Cristo Redentore

Messaggiodi guerriero monzese » giovedì 28 luglio 2016, 10:51

Povera Val Brembana ........ ogni anno sempre più giù.

I tempi d'oro della mia giovinezza (anni 70/80) sono un lontano ricordo. Pensare che la vicinanza con Milano, Monza e la stessa Bergamo, con possibilità anche di collegamenti internazionali, potrebbe essere una carta vincente.

La vicina Valsassina, raggiungibile da Milano tramite SS36 in 60 minuti, va alla grande..........

Nella "nostra" valle:
chiudono Bar (Moio),
chiudono negozi (moio, Valnegra),
casini con gli impianti di Foppolo,
la grande incompiuta della variante di Zogno,
offerte turistiche limitatissime ......... tombolate e polentate vanno avanti da anni ma per attirare gente e gioventù ci vuol ben altro.
guerriero monzese
 
Messaggi: 11
Iscritto il: giovedì 26 agosto 2010, 15:07

Re: Piani dell'Avaro: il Cristo Redentore

Messaggiodi IW2LBR » giovedì 28 luglio 2016, 11:17

guerriero monzese ha scritto:Povera Val Brembana ........ ogni anno sempre più giù.

Della serie.... pochi ma buoni!! a_39 Un guerriero (monzese) non si deve mai reprimere, ma lottare!!!! a-36
Casini con gli impianti di Foppolo: http://forum.valbrembanaweb.com/post335311.html#p335311
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 76386
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Piani dell'Avaro: il Cristo Redentore

Messaggiodi willy » giovedì 28 luglio 2016, 11:53

Una volta bastava un muretto per attirare i giovani, adesso sono tutti persi dentro al loro cellulare. L'unico modo per attirarli in valle è metterci qualche Pokemon. a_12
Avatar utente
willy
 
Messaggi: 1067
Iscritto il: lunedì 7 marzo 2005, 17:02
Località: Almenno S.B. - m.300 s.l.m. - Foppolo m. 1600 s.l.m.

Re: Piani dell'Avaro: il Cristo Redentore

Messaggiodi andrea.brembilla » giovedì 28 luglio 2016, 12:10

guerriero monzese ha scritto:La vicina Valsassina, raggiungibile da Milano tramite SS36 in 60 minuti, va alla grande..........


Hai proprio ragione.... ad esempio leggi qua

IL DISASTRO DI TARTAVALLE: TRA SOCIETÀ FALLITE E IN FALLIMENTO, MILIONI AL VENTO E LAVORATORI IN CREDITO

TACENO – Fa male ripercorrere alla luce dei fatti più recenti i 10 anni di vita di un progetto originariamente eccellente e sulla carta in grado di rilanciare un territorio, diverse produzioni e la vocazione turistica dell’area in questione – nonché potenzialmente ricco di prospettive anche lavorative per la nostra Valsassina e i dintorni. Invece purtroppo si deve constatare che tra il 2007 e oggi il grande disegno del recupero delle antiche terme, gloria imprenditoriale e turistica, è andato come si suol dire a farsi benedire.
Di queste ore la notizia del fallimento decretato dal Tribunale di Lecco per la “Antica Fonte di Tartavalle srl“, una società ricca di storia e dal grande passato, quella fondata nel lontano 1839 ma soprattutto la detentrice di un patrimonio non soltanto negli annali: la concessione perpetua per l’acqua minerale. Un “asset” rilevantissimo che adesso rischia di andare perduto con il tracollo della Srl.
Ma la situazione di Tartavalle è ben più complessa e vede agire nel variegato panorama economico produttivo e finanziario, spesso intrecciato, ben 4 soggetti. Il più antico è quello fallito, mentre è in concordato preventivo dal 5 marzo la Spa, proprietaria di un altro elemento importantissimo: gli immobili di Tartavalle.

Sullo sfondo, ancora altre due società, frammentate e frutto della divisione dei protagonisti originari del progetto: la Tartavalle Srl e le Fonti di Tartavalle (qui impegnati il valsassinese Pomi, il milanese Casarini, un valtellinese e un socio marchigiano). Prospettive difficili per tutte le compagini in gioco e situazione davvero al minimo per le produzioni ormai saltate e i grandi sogni di sviluppo.
Resta il bel pub, ora affidato a dei gestori di Alzano Lombardo, ma certo il disegno complessivo sembra tramontato e il rilancio delle famose Terme di Tartavalle ha visto “bruciare” svariati milioni di euro. E parecchi posti di lavoro. Due ex dipendenti che hanno fatto causa – vincendola – rivendicano circa 100mila euro di arretrati, altri soldi li avanzerebbero alcuni lavoratori entrati in scena successivamente. E come detto, c’è pure il rischio, sembra piuttosto concreto, di vedere svanire la storica e molto concreta concessione per le acque minerali.

Un ben triste epilogo per un’epopea durata quasi 170 anni e apparentemente destinata a vedere scritta (male) la parola fine.


La morale è: ogni territorio ha i suoi problemi, alcuni ne hanno più di altri (e la Val Brembana è sicuramente uno di questi territori), ma non so quanta efficacia può avere guardare l'erba del vicino che, si sa, "è sempre più verde", ma se la guardi da vicino magari qualche talpa sotto che scava ce l'ha anche lei...

Ah, se mi si parla di Artavaggio o Pian delle Betulle rilanciati ti stoppo subito, perché lì è grazie a una ben nota società, la ITB, peraltro eccellente, che sta facendo la stessa cosa anche da noi con Valtorta-Piani di Bobbio e Piazzatorre... quindi io vedo molte più analogie che differenze e modelli da imitare.

Sicuramente invece bisogna fare di più sull'offerta turistica e gli eventi (almeno mettendosi in rete), su quello son d'accordo con te.

a_14 a_14 a_14
Andrea Carminati, brembano; moderatore forum
cai.vallebrembana.org
Avatar utente
andrea.brembilla
 
Messaggi: 5507
Iscritto il: giovedì 17 marzo 2005, 11:50
Località: Brembilla (BG) - 440 m s.l.m.

Re: Piani dell'Avaro: il Cristo Redentore

Messaggiodi Lele93 » venerdì 29 luglio 2016, 8:49

La Valsassina secondo me, grazie alla strada, è diventata meta d'elezione per le gite in giornata, in inverno sugli sci, o d'estate per un giro ai Piani. Però secondo me pochi, e ancor meno che in Valle Brembana, sono disposti a passare là una vacanza di più giorni. Solitamente il cliente tipo delle terme, le inserisce in una vacanza di qualche giorno, perché per andare alle Terme in giornata, ci sono anche a Milano...
Lele93
 

Re: Piani dell'Avaro: il Cristo Redentore

Messaggiodi conte1988 » giovedì 25 agosto 2016, 16:14

Bellissimo sicuramente nei prossimi mesi cercherò di andare al monte avaro ed anche ai laghetti di ponteranica!
conte1988
 
Messaggi: 5
Iscritto il: martedì 23 agosto 2016, 11:16

Precedente

Torna a Novità in Valle Brembana

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti