Sci-alpinistica Orobie, da Ornica a Carona di Valtellina

Itinerari e discese di sci-alpinismo invernale ed estivo
Valle Brembana - Alpi Orobie Bergamasche

Moderatore: freedom

Sci-alpinistica Orobie, da Ornica a Carona di Valtellina

Messaggiodi IW2LBR » venerdì 30 marzo 2018, 10:47

4^ tappa: Giorno 28 Marzo 2018 - Baita Cigola, passo Forcellino, scesi In Val Vedello - Diga di Scais e salita Rif. Mambretti.

Immagine

Passo Forcellino
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 74640
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Sci-alpinistica Orobie, dal Ornica a Carona di Valtellina

Messaggiodi IW2LBR » venerdì 30 marzo 2018, 11:01

Immagine

Immagine

al Rif Manbretti. Si vede in centro la Cresta Corti allo Scais
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 74640
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Sci-alpinistica Orobie, da Ornica a Carona di Valtellina

Messaggiodi IW2LBR » venerdì 30 marzo 2018, 13:39

Simone Moro: Non cercavamo record, non c’era nulla di nuovo, nessuna volontà di stabilire una salita record ne di strabiliare nessuno. Volevamo solo regalarci un viaggio sci alpinistico forse poco ordinario tra le montagne di casa, le Alpi Orobie. Abbiamo così deciso di ripercorrere a modo nostro la traccia e l’idea di Angelo Gherardi, papà di Alessandro detto Geko, che nel 1971 realizzò la prima traversata sci alpinistica delle Orobie. E proprio Alessandro è stato il compagno di quattro giorni di silenzioso e selvaggio viaggio con sci da alpinismo e zaino in spalla da Ornica al Rifugio Manbretti. Avevo solo quattro giorni consecutivi di tempo libero da poter dedicare a questo viaggio sulle nevi e tra le vette di casa , perché la recente spedizione che ho compiuto in Siberia ha generato tante attività e appuntamenti che mi hanno riempito le settimane ed i prossimi mesi, di incontri, ma non volevo mancare alla personale volontà di partire e alla promessa che avevo fatto all’amico Alessandro di essergli a fianco. Così invece di perdere tempo e anni a dire “prima o poi lo facciamo” oppure” piacerebbe anche a me però…” che sono le frasi che per anni hanno ripetuto a Geko, ho invece preso la decisone, preparato il materiale e mi sono presentato puntuale a casa di Alessandro a Zogno alle 7 in punto del 25 Marzo per dirigerci a Ornica.

Il meteo è stato veramente eccezionale e pure la neve si è quasi sempre dimostrata sciabile e poco pericolosa. Le temperature ideali ed il giusto periodo hanno permesso a me ed Alessandro di goderci veramente la bellezza di “esplorare” e toccare con mano le potenzialità e la pace delle nostre montagne. Abbiamo voluto fare tappe doppie rispetto a quelle di papà Angelo solo perché materiali, preparazione ed il mio tempo limitato lo permettevano e imponevano. Dai 2500 ai 3000 metri di dislivello al giorno, almeno quarto o cinque salite e cambi pelle per ogni tappa, e tanta gioia e serenità nel cuore. Siamo rimasti stupiti dalla bellezza e della gioia che abbiamo respirato lungo tutto il percorso. Abbiamo incontrato anche altri sci alpinisti in alcuni punti della traversata, abbiamo pernottato al Rifugio San Marco, all’hotel K2 a Foppolo, alla baita di Cigola e bevuto il caffè al Manbretti come chiusura della nostra personale traccia. Ci riproponiamo di terminare il viaggio con l’ultima tappa che ci porterà a Carona di Valtellina appena il meteo si ristabilisce. Non ci siamo fatti mancare nulla, e non abbiamo voluto fare annunci. Per narrare questa nostra esperienza ho chiesto a turno ad alcuni amici fotografi (G.M Besana, Miki Oprandi, Gino Galizzi) di venire lungo il percorso a scattare qualche immagine per meglio esaltare la bellezza delle opportunità verticale ed escursionistiche del nostro territorio. Sono stato proprio felice di aver accettato l’invito di Alessandro e di essere stato concreto ed immediato nel dire si alla condivisione di questa piccola avventura descritta e considerata da alcuni come eccezionale. Questa traversata è li per tutti, e bisogna solo decidere e partire invece di sperare che qualcuno lo faccia per Voi.

Un paio di giorni dopo 6 tedeschi hanno ripetuto la prima parte del nostro viaggio, nello stesso modo e con lo stesso spirito. Ora sembrano imminenti altre partenze. Questo è il miglior risultato ed il vero successo di questo viaggio sci alpinistico attraverso le Orobie che è stato già battezzato come “la traversata dell’amicizia”
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 74640
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Sci-alpinistica Orobie, da Ornica a Carona di Valtellina

Messaggiodi IW2LBR » venerdì 30 marzo 2018, 13:40

A causa di cattive previsioni meteo abbiamo interrotto qua momentaneamente...... ma to be continued kdtejh kdtejh
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 74640
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Precedente

Torna a Sci-alpinismo sulle Alpi Orobie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite