Sciare a Foppolo, Carona e San Simone

Situazione impianti, nuovi progetti e sviluppi delle stazioni sciistiche di Foppolo, San Simone, Carona, Piazzatorre e Valtorta/ Piani di Bobbio.

Moderatori: IW2LBR, alvin 51, Lino70

Re: Sciare a Foppolo, Carona e San Simone

Messaggiodi Valerie » domenica 17 settembre 2017, 14:47

I have always considered San Simone an important part of a skiing holiday in Foppolo. It gives more variety and kms enabling Foppolo to better compete with better known resorts.

Ho sempre considerato San Simone una parte importante di una vacanza a Foppolo. Dona più varietà e chilometri permettendo a Foppolo di competere meglio con località più note.
Valerie
 
Messaggi: 164
Iscritto il: lunedì 7 luglio 2008, 22:05
Località: england

Re: Sciare a Foppolo, Carona e San Simone

Messaggiodi elio.biava » domenica 17 settembre 2017, 20:17

Valerie ha scritto:Ho sempre considerato San Simone una parte importante di una vacanza a Foppolo. Dona più varietà e chilometri permettendo a Foppolo di competere meglio con località più note.

Sciare a S.Simone ha tutto un suo fascino, il freddo mattutino, un ambiente selvaggio, la neve è sempre invernale, al cospetto del monte Cavallo.... a_2 a_2 a_2
Moderatore Immagini Antiche
"tra i monti Alben e Regaduro nel canalone i suoi compagni lo trasportarono per sentieri scoscesi tra boschi e pascoli fino a Sottochiesa, adagiato su una rozza scala a pioli ricoperta di fronde"
Avatar utente
elio.biava
 
Messaggi: 3113
Iscritto il: lunedì 18 aprile 2011, 11:38
Località: Fraggio-Fractum 995 slm, ex dogana veneta, Taleggio (BG) "sèm a baita"

Re: Sciare a Foppolo, Carona e San Simone

Messaggiodi bisarz » martedì 19 settembre 2017, 18:31

A mio giudizio:
San Simone ha un posizionamento diverso da quello di Foppolo/Carona. E' una stazione piccola e dovrebbe puntare sull'accoglienza famiglie con bambini e principianti. Arale e Colla si adattano benissimo. Le piste alte invece sono tra i rari esempi di piste "vecchio" stile ancora esistenti in zona. Non sono le solite autostrade alla "dolomiti super ski". Hanno il loro fascino, a me piacciono molto e non credo di essere il solo. Ovviamente non dimentico il microclima che la rende perfetta in primavera. Una gestione separata da Foppolo Carona ci potrebbe anche stare, seppur più difficoltosa dal punto di vista economico. Sicuramente bisogna puntare sulla ricettività: albergo in primis ma anche una sorta di albergo distribuito utilizzando numerose seconde case, molte delle quali inutilizzate. Non bisogna invece fare la'errore di cementificare. Allo sci andrebbero poi aggiunte sistematicamente una serie di altre attività ricreative, vedi as esempio ice-kart, ciaspolate escursionismo/scialpinismo con guida etc etc.

Foppolo-Carona
Gestione separata: credo sia la soluzione obbligata per un anno, in emergenza, ma non credo sia una strada sostenibile a medio lungo termine. Dalla stagione 18/19 dovrebbe essere unica.
Coinvolgimento di itb: sicuramente ho apprezzato il loro lavoro pluriennale fatto a Valtorta, quindi ben venga un loro coinvolgimento. Onestamente oserei qualcosa in più del solo coinvolgimento come consulente.
bisarz
 
Messaggi: 241
Iscritto il: venerdì 17 novembre 2006, 20:50

Re: Sciare a Foppolo, Carona e San Simone

Messaggiodi IW2LBR » mercoledì 20 settembre 2017, 7:39

da L'Eco di Bergamo

San Simone, parte la raccolta delle adesioni per il rilancio

Si inizia l’appello, l’inverno sciistico è alle porte e stringono i tempi. Il comitato di San Simone, costituitosi per salvare la stazione di Valleve, tira le somme di settimane di confronti, alla ricerca di una soluzione per aprire. Spiega in una nota stampa il referente Gianpaolo Bossini: «Si procederà con la conta, con l’appello tra tutti coloro che intendono partecipare alla cooperativa. Cooperativa che dovrà raccogliere fondi. Dovranno servire a valutare la copertura delle spese per il funzionamento degli impianti (una spesa stimata in circa 300 mila euro per skilift Arale e Colla, di proprietà di Franco Quarti e necessari anche per poter accedere alle seggiovie Camoscio e Sessi, delle banche, ndr). A tutti, in questa fase – prosegue Bossini – non verranno chiesti soldi ma solo uno pseudo formale impegno. Il comitato San Simone ha avuto contatti con Massimo Moretti dopo avere appreso il suo interesse per Foppolo. Ci ha illustrato il suo progetto sottolineando però con chiarezza e trasparenza che San Simone non era prevista». «E da solo il comitato non potrà farcela - prosegue Bossini –. Ci vorrebbe un altro imprenditore altrettanto illuminato. E perché no, le istituzioni, alle quali andare a bussare. Abbiamo contattato anche il sottosegretario della Regione Ugo Parolo, in vista del convegno sulla montagna ad Alzano (previsto oggi, ndr), ma senza riscontro. Si parla di nuovi modelli per la montagna, di un ministero della Montagna. Ma intanto si lascia morire la montagna. Dove non ci sono imprenditori illuminati, c’è la fine. Ecco la verità».
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 75899
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Sciare a Foppolo, Carona e San Simone

Messaggiodi IW2LBR » giovedì 21 settembre 2017, 6:35

da L'Eco di Bergamo

Carona si prepara a tornare in pista, dal giudice ok ai lavori

Gestita da Brembo Super Ski, resta però l’incognita sulla possibilità di utilizzo della seggiovia Valgussera
E valuta anche se lasciare cannoni e battipista a Foppolo


Immagine

Primo passo di Brembo Super Ski verso la prossima stagione sciistica: il giudice ha autorizzato la Curatela fallimentare ai lavori di manutenzione di piste e seggiovie di proprietà, nella conca della Val Carisole. Proprio lunedì scorso il direttore Vittorio Salusso ha convocato gli operai informando sulle tappe di avvicinamento all’apertura degli impianti. Sull’altro versante del comprensorio, invece, a Foppolo, si resta in attesa del bando (probabilmente settimana prossima) per affittare le due seggiovie del Comune, ovvero Quarta Baita e Montebello. Bando che dovrebbe affidare la gestione per un anno e a cui, come già annunciato, parteciperà il gruppo di imprenditori facenti capo a Massimo Moretti, l’ex direttore generale dell’Inter. Si procede, quindi, sulla strada delle due gestioni separate, anche se da entrambe le parti resta la volontà di trovare un’intesa futura per collegare le due aree sciabili e garantire uno skipass unico agli sciatori. «Per ora noi ci prepariamo a partire da soli – dice Alberto Carrara, uno dei tre curatori fallimentari – poi si tratterà di trovare un’intesa con chi vincerà il bando del Comune di Foppolo, Moretti o altri». Peraltro, lo stesso Carrara, non esclude a priori che Brembo Super Ski possa partecipare al bando per le seggiovie di Foppolo: «Chiederemo al giudice, anche se non è nelle nostre intenzioni». A breve la Curatela presenterà anche l’istanza per l’esercizio provvisorio; il giudice deciderà anche sulla base del parere del comitato dei creditori. Quanto agli impianti, l’incognita maggiore resta quella della seggiovia del Valgussera, di proprietà di Brembo Super Ski ma in Comune di Foppolo e su terreni della Devil Peck di Moretti. La sua messa in funzione, al momento, non sarebbe così certa. Ancora più intricata, probabilmente, la gestione di cannoni sparaneve, battipista e altre attrezzature di proprietà di Brembo Super Ski, ma in parte necessari al funzionamento sul versante di Foppolo. Per tale motivo, nei giorni scorsi, Moretti aveva formalmente chiesto alla Brembo Super Ski di poter prendere in affitto, a 25 mila euro, quanto necessario a gestire le piste di Foppolo. «Stiamo ancora facendo le valutazioni tecniche del caso - dice Carrara - . Per esempio, abbiamo cinque battipista, di cui due a noleggio. Se questi ultimi non ci servono li restituiremo. Dobbiamo anche capire se ci serviranno tornelli e software installati a Foppolo». Quanto alla cabinovia a Foppolo (proprietà della Brembo Super Ski, lavori iniziati ed eseguiti dal Comune ma sospesi un anno fa), la scadenza della vita tecnica era fissata questo mese. «Non dovrebbe essere un termine perentorio - spiega Carrara - e, dai nostri consulenti, ci è stato assicurato che sarà prorogata».
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 75899
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Sciare a Foppolo, Carona e San Simone

Messaggiodi IW2LBR » venerdì 22 settembre 2017, 4:30

da L'Eco di Bergamo

Pasticcio di San Simone I curatori si giocano il jolly

Valleve. L’idea nell’incontro col Comune e la proprietà degli impianti «Il sindaco li chieda alla Brembo Ski e poi li restituisca alla società di Quarti»

Immagine

Pasticciaccio brutto di San Simone, altro giro, altra proposta: perché non fare così? Il Comune di Valleve richiede alla curatela fallimentare della Brembo Super Ski (Bss)la formale restituzione del ramo d’azienda (impianti, mezzi, documenti, biglietterie, chiavi) della San Simone Evolution di cui è entrata in uso su concessione del Comune che ne ha avuto la disponibilità dalla stessa società; la curatela fallimentare, fatte le opportune verifiche su quanto effettivamente risultasse consegnato alla Bss, lo restituisce allo stesso Comune che contestualmente lo restituirà una volta e per tutte al proprietario effettivo, la San Simone Evolution che da anni e finora invano ne reclama la restituzione dal Comune, l’unico soggetto con il quale è entrata formalmente in relazione dal 2009 e al quale ha affidato gli impianti. E dal quale, unicamente, si attende la restituzione degli impianti nelle condizioni in cui ne ha concesso l’utilizzo. Sembra il giochino delle tre carte e invece è la proposta formulata dalla curatela della Bss al termine dell’ora e mezzo di riunione col Comune di Valleve e l’amministratore della San Simone Franco Quarti negli uffici di Alberto Carrara, uno dei tre curatori della fallita società di gestione degli impianti. Tema: come si restituiscono gli impianti alla San Simone che secondo la stessa società sono stati consegnati al Comune, secondo il Comune li ha in gestione la fallita Bss e prova ne sarebbero state le pec inviate dalla curatela alla San Simone. Pec smentite dagli stessi curatori della Bss, insieme con la disponibilità formale degli impianti: non ci sono documenti che evidenziano un passaggio formale dal Comune alla Bss, non ci sono beni della San Simone inventariati nel fallimento della Bss, non ci sono legami a Valleve tra Bss e la San Simone, è stato il messaggio dei curatori. E allora? Allora ecco la proposta, spiegata in una nota. «All’esito dell’incontro tra il legale del Comune di Valleve e l’amministratore unico di San Simone Evolution srl, alla presenza del Collegio dei curatori della Brembo Super Ski, è stato tracciato un possibile percorso, subordinato alla valutazione e autorizzazione degli Organi della procedura, che prevede la formale richiesta al fallimento da parte del Comune di Valleve di restituzione dei beni in questione», spiegano i curatori. Conclusione? «La procedura, verificato e individuato quanto risultasse consegnato dal Comune alla Brembo Super Ski, provvederà alla restituzione al Comune di quanto rinvenuto e quest’ultimo, contestualmente, alla San Simone Evolution». Tutto a posto? Non proprio, a cominciare dall’assenza alla riunione del sindaco di Valleve, Santo Cattaneo, rappresentato dall’avvocato Sara Colli. L’assenza del sindaco, che in serata non è stato possibile contattare per un commento, non sarebbe stata gradita dai curatori che di fatto ripassano la palla al Comune e chiedono chiarezza su «quanto risultasse consegnato dal Comune alla Brembo Super Ski». Un passaggio apparentemente secondario ma fondamentale al pari del necessario via libera degli «Organi della procedura», vale a dire il giudice del fallimento. La curatela ha la possibilità di fare proposte e che cosa comporterebbe l’ipotesi formulata nell’ambito della procedura fallimentare? E poi: che cosa ne pensa la San Simone? «Da quando abbiamo richiesto la restituzione del ramo d’azienda abbiamo sempre considerato il Comune l’unico soggetto titolato alla restituzione – spiega l’amministratore Franco Quarti –. Per quanto riguarda la riunione di oggi (ieri, ndr) , sospendiamo ogni considerazione, in attesa di verificare se la proposta della curatela sia legittima e attuabile». Come dire: to be continued, altre puntate seguiranno.
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 75899
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Sciare a Foppolo, Carona e San Simone

Messaggiodi Valerie » sabato 23 settembre 2017, 19:50

I still think San Simone is important for the future of the area. It is great for families but when all open provides lots of ski kilometres. We brought a friend used to skiing the 3 vallies in France and it wore him out because he had no long rests in queues. I agree it is cold in January but improves as the sun gets higher in the sky.
We are currently touring in Bavaria and Austria and find so many holiday facilities especially year round toboggan runs as well as walking and biking. I also think with so many great chefs in Foppolo cookery school holidays would bring in lots of visitors Monday to Friday to fill hotel rooms. So much missed potential in a beautiful area.
Valerie
 
Messaggi: 164
Iscritto il: lunedì 7 luglio 2008, 22:05
Località: england

Re: Sciare a Foppolo, Carona e San Simone

Messaggiodi IW2LBR » venerdì 29 settembre 2017, 7:29

da L'Eco di Bergamo

San Simone, il Comune chiede a Bss la restituzione degli impianti di risalita
È il primo passo per la restituzione alla proprietà, la San Simone Evolution. Ma la strada resta ancora lunga

Immagine

San Simone, tanto silenzio per qualcosa, forse. A una settimana dalla proposta dei curatori fallimentari della Brembo Super Ski (Bss) nella riunione con il Comune di Valleve e la San Simone Evolution sulla questione degli impianti della stazione, di proprietà della San Simone, concessi in uso dalla società al Comune nel 2009 e «girato» de facto dal Comune alla partecipata Bss senza accordi con la proprietà, ieri sul tavolo dei curatori è arrivata l’istanza di restituzione degli impianti firmata dal Comune. Nel piano dei curatori la restituzione dalla Bss al Comune dovrebbe essere contestuale alla restituzione formale degli impianti dal Comune alla San Simone. Un complicato gioco di carte che secondo la curatela potrebbe aggirare il pastrocchio di questa vicenda: gli impianti sono della San Simone che ne reclama la restituzione nelle condizioni in cui le ha consegnate al Comune nel 2009 con un verbale di consegna. Ma la curatela della Bss non ha mai inventariato beni della San Simone perché non risultano nel fallimento, essendo stati dati in uso al Comune. E allora come se ne esce? Rifacendosi all’articolo 87 bis della legge fallimentare, sostengono i curatori, che aggirerebbe la necessità di modificare lo stato passivo del fallimento, in virtù del fatto che «i beni mobili sui quali i terzi vantano diritti reali o personali chiaramente riconoscibili possono essere restituiti con decreto del giudice delegato su istanza delle parti…e possono non essere inclusi nell’inventario». Tradotto: la Bss restituisce gli impianti della San Simone al Comune che poi li restituisce alla San Simone senza modificare l’inventario. Tutto ok dunque? Affatto. Perché ora la curatela della Bss, ricevuta l’istanza, dovrà valutarla, poi dovrà arrivare il passaggio critico, la restituzione degli impianti dal Comune alla San Simone, divisi da anni di contenziosi e battaglie giudiziarie. Per ora è stato fatto il primo passo, ma la strada verso l’accordo resta lunga.
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 75899
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Sciare a Foppolo, Carona e San Simone

Messaggiodi bisarz » mercoledì 4 ottobre 2017, 12:35

Sul sito del comune di Foppolo è apparso il bando per la gestione impianti (Montebello e Quarta Baita) stagione 2017/18. Sono curioso nel vedere chi si presenta...
bisarz
 
Messaggi: 241
Iscritto il: venerdì 17 novembre 2006, 20:50

PrecedenteProssimo

Torna a Stazioni Ski Valle Brembana

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti