Sciare a Foppolo, Carona e San Simone

Situazione impianti, nuovi progetti e sviluppi delle stazioni sciistiche di Foppolo, San Simone, Carona, Piazzatorre e Valtorta/ Piani di Bobbio.

Moderatori: IW2LBR, alvin 51, Lino70

Re: Sciare a Foppolo, Carona e San Simone

Messaggiodi IW2LBR » venerdì 1 giugno 2018, 6:45

da L'Eco di Bergamo

Seggiovie di Foppolo - Servono tempi veloci e certezze
Brembo Ski. Gli operatori alla Curatela dopo il passo indietro di Moretti. «Si parta quanto prima con la promozione della stagione

Immagine

«Fondamentale è che le seggiovie funzionino anche la prossima stagione. Quindi, va bene che sia anche la Curatela fallimentare a farle funzionare. Purché non si arrivi ancora a novembre senza sapere se vi sarà o meno un comprensorio unico e senza conoscere le tariffe degli skipass». In sintesi è questo l’auspicio degli operatori turistici e del presidente della Comunità montana Val Brembana Alberto Mazzoleni, all’indomani della rinuncia da parte dell’imprenditore Massimo Moretti di chiedere la gestione degli impianti di risalita di Foppolo e Carona. Il Fallimento Brembo Super Ski che, dal febbraio 2017, ha in mano i beni della vecchia società degli impianti di Carona e Foppolo, diventa, quindi, almeno per la prossima stagione, il soggetto più papabile per la gestione unica del comprensorio di Brembo Ski (a esclusione di San Simone, dove gli impianti sono dell’imprenditore Franco Quarti e di due banche). Sia l’anno scorso sia per la prossima stagione Moretti aveva chiesto di gestire lui il comprensorio. Dal Fallimento Brembo Super Ski è però arrivato il no: «Se l’affitto non è accompagnato da una proposta irrevocabile di acquisto delle seggiovie, non si può fare». Ergo, Moretti ha deciso di farsi da parte: finché il Fallimento Brembo Super Ski non esaurirà il suo compito, non avanzerà più alcuna proposta per la gestione delle seggiovie di Foppolo e Carona. Quest’estate è prevista la prima asta dei beni di Brembo Super Ski (in particolare le seggiovie di Val Carisole) ma, come sostenuto dagli stessi Curatori, è probabile che servano due o tre gare prima di arrivare a un’aggiudicazione. Molto probabile, quindi, che a dicembre sia ancora la Curatela fallimentare nominata dal tribunale a gestire quanto meno le seggiovie di Carona.

«Non facciamo fuggire i privati» «È anomalo che sia una Curatela fallimentare a gestire un comprensorio sciistico - dice il presidente della Comunità montana Val Brembana Alberto Mazzoleni – ma può anche essere la soluzione migliore. L’auspicio è che, oltre a garantire tempi celeri nella promozione, tale scelta non faccia desistere gli imprenditori privati interessati a uno sviluppo a lungo termine della stazione. E che collaborino con commissari e sindaci per garantire quelle certezze che serviranno a chi vorrà investire dopo di loro». Torna sulle difficoltà della scorsa stagione sciistica Pietro Midali, gestore del rifugio Mirtillo, sulle piste di Val Carisole: «Con i ritardi dell’anno scorso abbiamo perso centinaia di sciatori che sono andati in altre stazioni - spiega -. Avrei preferito la gestione di un imprenditore vero come Moretti, sicuramente più attento anche all’indotto e a una programmazione a lungo termine, ma vanno bene anche i Curatori fallimentari. Purché, a questo punto, facciano gli imprenditori fino in fondo. Non si perda tempo: si arrivi quanto prima a una decisione sulla gestione unica del comprensorio e magari non si applichino le tariffe degli skipass feriali dello scorso anno». C’è chi si appella alla Curatela affinché nella probabile gestione degli impianti ci si affidi anche a personale della valle. «Abbiamo personale in valle che ha gestito per tanti anni la stazione, parlo di tecnici - spiega Loredana Salvetti, titolare della Locanda dei Cantù di Carona - . Non c’è bisogno di andare a prendere all’esterno persone che, al momento delle decisioni, non conoscono il contesto territoriale. Certo, resta il fatto che una gestione per tamponare una situazione di emergenza non semina nulla per il futuro, tutto resta molto superficiale». «Seggiovie subito alla Curatela» «Ora anche il commissario prefettizio di Foppolo dovrebbe avere una strada più facile - aggiunge Beppe Carletti, direttore della Scuola sci 90 ed ex consigliere comunale –. Va dato atto a Moretti di un grande senso di responsabilità: si è messo da parte, momentaneamente, solo per il bene di Foppolo. E a questo punto, per evitare ancora l’allungarsi dei tempi, piuttosto che una gara per l’affitto, meglio l’affidamento diretto delle seggiovie di Foppolo alla Curatela. Sarà ancora una stagione di transizione, ma se ognuno, nei propri ruoli, tiene alta l’attenzione sul comprensorio, tra un anno si potrà ripartire con una buona base».
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 74641
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Precedente

Torna a Stazioni Ski Valle Brembana

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti