571 Sentiero Alto di Valle: Periplo della Valle Imagna

- Percorsi, itinerari, escursioni in Valle Brembana e sulle Alpi e prealpi Orobie Bergamasche.

Moderatore: MaCa

Re: 571 Sentiero Alto di Valle: Periplo della Valle Imagna

Messaggiodi Rugetor » lunedì 2 luglio 2018, 10:30

Complimenti Maurizio per la lunga e bella scarpinata a_2 a_2 a_2 Come sempre impeccabili i tuoi reportage a_14
Moderatore Forum
Tutte le arti contribuiscono all'arte più grande di tutte: quella di vivere - (Bertolt Brecht)
Avatar utente
Rugetor
 
Messaggi: 7552
Iscritto il: giovedì 31 luglio 2008, 18:07
Località: Poscante - Zogno (BG) m. 470 s.l.m.

Re: 571 Sentiero Alto di Valle: Periplo della Valle Imagna

Messaggiodi elio.biava » lunedì 2 luglio 2018, 12:15

moritz63 ha scritto:E' l'ora di merenda e me la godo...

Immagine


Immagino quanta fatica, ricambiata dall'immensa gioia della conquista ! a_21 a_14
Moderatore Immagini Antiche
"tra i monti Alben e Regaduro nel canalone i suoi compagni lo trasportarono per sentieri scoscesi tra boschi e pascoli fino a Sottochiesa, adagiato su una rozza scala a pioli ricoperta di fronde"
Avatar utente
elio.biava
 
Messaggi: 2868
Iscritto il: lunedì 18 aprile 2011, 11:38
Località: Fraggio-Fractum 995 slm, ex dogana veneta, Taleggio (BG) "sèm a baita"

Re: 571 Sentiero Alto di Valle: Periplo della Valle Imagna

Messaggiodi moritz63 » lunedì 2 luglio 2018, 12:35

andrea.brembilla ha scritto:Grande moritz, bellissimo periplo!!! a_14 a_14 a_14
Ti dò alcune info su alcuni punti critici che hai giustamente evidenziato, e dove mi sono trovato in imbarazzo diverse volte pure io.
moritz63 ha scritto: Torno sul 571, una sterrata mi fa scendere ad un capanno, purtroppo i segnavia spariscono completamente: per fortuna ero venuto nei giorni scorsi in sopralluogo per preparare l'escursione e so dove passare...( Un sentiero scende a destra dietro il capanno, raggiunge un sottostante capanno posto in bella conca prativa, girando a sinistra con bel sentiero pianeggiante e poi stradina si arriva al Passo del Canto: dovrebbe essere questo il sentiero 571, ma è totalmente privo di qualsiasi segnavia...)

Esatto, praticamente "taglia" in orizzontale il Coren Gros restandone alla base, a un certo punto il sentiero diventa una carrareccia (piuttosto poco frequentata) che poi confluisce in una carrareccia più grande (cementata) che sale al Passo del Canto. Ti risulta? Confesso che io non faccio praticamente mai questo sentiero, preferendo salire al Coren Gros e scendere dall'altra parte come hai fatto tu... i volontari di Brembilla avevano segnato anni fa questa variante "alpinistica", ma andrebbe maggiormente frequentata, se no si imbosca subito. Parimenti il 571, se hai fatto la traccia che ho sopra descritto, ha bolli che sono posti però su massi ai bordi della carrareccia che, temo, siano attualmente coperti da vegetazione o comunque poco visibili... andrebbe fatto un bel lavoro di decespugliamento e magari di installazione di picchetti. Con un pò di coraggio secondo me la scelta migliore sarebbe far passare ufficialmente il 571 sul Coren Gros, ma come hai detto tu prevede in discesa passaggi al I° grado alpinistico, quindi capisco che al massimo possa essere solo una variante, ma non per tutti (un giorno son salito banalmente con un amico col cane, e il cane non voleva saperne di scendere per quelle placchette!).

Quando ho messo in cantiere questa escursione ho studiato a fondo la cartina per capire dove passasse il 571 tra Corna Marcia e Passo del Canto, per fortuna nei giorni precedenti sono andato in avanscoperta perlustrando a fondo la zona tra Madonna dell'Assunta e Corna Marcia, scoprendo che anche a Berbenno non mancano i problemi...
Quando uno scende dalla Corna Marcia è portato a seguire la carrareccia, ma arrivato al tornante del capanno se la trova sbarrata da grate di ferro, bolli o cartelli che dicono che si deve oltrepassare il capanno non ce ne sono. Io ho infilato il tracciolino del Corèn Gros perchè sulla mia cartina era tratteggiato e infatti oltrepassato il capanno ecco spuntare uno sbiadito bollo azzurro su una pianta ad indicare il percorso in cresta, non mi ero assolutamente accorto del bel sentiero che scende a destra dietro il capanno e che tu mi confermi essere il 571.
Tirando sul tracciolino bollato azzurro sono arrivato sul Corèn Gros ed è stata una sorpresa di panorami, merita..!! Certo è poco frequentato e non agevole da percorrere, la vegetazione incombe: concordo che andrebbe benissimo come variante impegnativa del 571, il problema è che al capanno andrebbe segnalato a dovere il 571 ufficiale, sicuramente adatto a tutti. Per scendere dal Corèn Gros ci vuole occhio, non tanto per le difficoltà delle placchette (comunque facili, mi sono divertito), quanto per scovare la traccia alquanto esigua in certi punti. Oltretutto in fondo si finisce dentro prati sicuramente di una proprietà privata (non ricordo se c'è una baita), dove si aggancia la sterrata che scende al passo, io però di bolli su questa sterrata non ne ho proprio visti, sono ricomparsi alla Tomba del Partigiano ad indicare però il Sentiero del Partigiano, che taglia basso tutto il versante ovest della Corna Marcia. Al ritorno, solo facendo ben attenzione, in cima alla sterrata ho notato il sentiero a sinistra che pianeggiante taglia i pendii del Corèn Gros e che di fatto è il vero 571, tra i due capanni sembra essere stato sistemato da poco e reso più visibile, ma a spiccare è la totale mancanza di qualsivoglia segnavia. per il 571 è una grave pecca. Per chi vuole fare il periplo al Passo del Canto una sfilza di cartelli rimette a posto le cose, fino al Colle di Berbenno nessun problema: ma poi ricominciano i guai...
Proseguo nel successivo tuo post...
moritz63
 
Messaggi: 16400
Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2013, 20:51

Re: 571 Sentiero Alto di Valle: Periplo della Valle Imagna

Messaggiodi moritz63 » lunedì 2 luglio 2018, 15:48

andrea.brembilla ha scritto:
moritz63 ha scritto: Ora seguo il Sentiero del Partigiano, che dopo un lungo traversone nel bosco (occhio ai segnavia) mi deposita al Colle di Berbenno, 700 metri...

E qui si apre una pagina scura, per motivi di proprietà privata i bolli Cai spariscono totalmente, si viene abbandonati fino a Berbenno, che viene raggiunta seguendo la strada asfaltata: chi vuole fare il giro meglio che venga in avanscoperta, per rendersi conto di dove passare per salire da Piazzasco a Cà Biglie dove si riaggancia il sentiero 571...


Mi permetto di consigliarvi una variante che evita la provinciale, ri-allego la tua foto con freccina indicatrice:

Immagine

Dal Colle puntate la strada privata che sale più in alto, a terra troverete frecce dipinte che vengono usate per le non-competitive della zona... salite per la carrareccia ignorando una prima deviazione a sinistra e seguendo quindi la via principale che vi deposita, dopo un tornantino, sui bei prati disseminate di baitelle e stalle... la strada diventa sterrata, la seguite fino al suo termine, dove troverete una baita sulla destra, mentre sulla sinistra un sentiero che scende per un brevissimo tratto nel bosco e che traversa in breve fino alla località Forcella di Berbenno... qui riagganciate il 571 che, sempre in breve, sale per circa 200 metri su strada asfaltata, aggancia un altro sentiero e vi porta al "Cat" di Berbenno, all'inizio della salita per "San Piro" (San Pietro).
a_14


Conosco quella stradetta: ma c'è un grosso ma...
Continuo il discorso sui problemi di orientamento: in missione perlustrativa ero salito a Berbenno per cercare in loco il percorso del 571, che guardando la mia cartina non risultava chiaro. Ricerca vana, zero indicazioni, sono così salito in macchina alla Madonna dell'Assunta, dove sapevo essere presenti i segnavia, con l'intenzione di percorrere a ritroso il 571 fino al Colle di Berbenno: mi sono così incamminato senza problemi fino alla Forcella di Berbenno, presso una Tribulina ecco che i bolli Cai mi indirizzano a sinistra (davanti la santella passa una mulattiera che sale da destra, dal paese), entro nel bosco e fuoriesco su una sterrata, dirimpetto una grande baita (quella che tu descrivi "Troverete una baita sulla destra" ). Io percorro bello tranquillo questa ampia sterrata che scende un po' e tiro dritto quando sulla mia destra compare un tratturo che scende deciso (qui è piazzato l'ultimo segnavia bianco rosso del Cai), resto sulla stradella principale che fila via in piano: mi ritrovo così in una bellissima distesa di prati curatissimi e baite, frutteti e baitelli che mi strappano esclamazioni di stupore, ma che bel posto, che sorpresa..!! Proseguo oltre e in discesa la stradetta asfaltata mi deposita al Colle di Berbenno, è proprio la stradina che indichi tu con la freccia. Torno sui miei passi e arrivato di nuovo in questa bellissima località sovrastante incrocio un signore che ha una baita proprio lì, scopro di essere a Cornesei...
Ma scopro anche di essere in una proprietà privata: con molta gentilezza ed educazione il signore mi spiega che la stradetta asfaltata che ho appena risalito è di Proprietà Privata, non sarebbe consentito passare, specifica bene che sul cartello posto all'altezza della sbarra che si vede nella foto (e che io avevo trovato alzata) non c'è scritto Strada Privata, ma Proprietà Privata (ed è vero, sono poi andato a controllare). Mi ha spiegato che la stradina della foto è stata costruita a loro spese (vari proprietari), ed è stata realizzata a sostituzione della preesistente mulattiera sempre di loro proprietà (Dice che esistono carte al riguardo). Io ho spiegato che provenendo dalla Forcella di Berbenno non avevo trovato cartelli di proprietà privata, se no non sarei andato oltre: annuisce confermando che non ho colpe, in quanto il proprietario del terreno dove avevo visto l'ultimo segnavia non si è mai preoccupato di posizionare un cartello di proprietà privata, non ci tiene a quel terreno, lo sta lasciando andare in malora, se uno viene da quella direzione entra in proprietà private senza saperlo.
Sottolineo che il signore è stato molto gentile nel spiegarmi queste cose, pur essendo uno dei proprietari nessuna arroganza nei modi e nella voce.
Mi ha indicato il sentiero 571, che però ho trovato in non buone condizioni, lo descrivo nelle condizioni in cui è non lo consiglio: dal Colle di Berbenno si prende la strada per il paese, quando si arriva alla prima casa di Piazzasco compare a sinistra il cartello 25 della SP32, a destra ecco la rampa di accesso al civico 11: proprio all'inizio della rampa parte un tracciolino dentro un recente disboscamento, traccia non chiara, bisogna puntare il vicino sovrastante bosco e a sinistra ci si intraversa su un sentierino piuttosto brutto, porta ad un tratturo che percorso per pochi metri in salita deposita sulla sterrata di Cornesei, lì dove avevo visto l'ultimo bollo Cai ed avevo imboccato senza saperlo le proprietà private.
Nota: se si va su Google Map si vede chiaramente che nel 2011 alla rampa del civico 11 erano presenti i bolli Cai ad indicare il 571, adesso i bolli sono spariti.
In tutta sincerità anche se il tratto sulla provinciale è antipatico è meglio proseguire fino a Piazzasco e prendere a destra via Garibaldi, pochi metri e in mezzo alle case compare la scalinata Via Brembilla che sale a destra (cartello divieto alle moto): si sbuca su una stradina e percorrendola a destra si compie un tornante, o tagliandolo per scalinata si sbuca alla Forcella di Berbenno, proprio alla Tribulina dove ricompaiono i bolli Cai.
Quindi Andrea c'è un evidente problema, se dal Colle di Berbenno si percorre la stradina di Cornasei che indichi con la freccia si entra in una proprietà privata con tanto di chiaro cartello a dirlo: che fare..?
Io personalmente il giorno del periplo ho preferito fare il giro dentro Piazzasco e salire per la scalinata e stradina alla Forcella di Berbenno, adesso che lo sapevo l'idea di violare una proprietà privata mi disturbava: sarebbe opportuno che il Cai ribollasse in maniera adeguata il vero 571, quello che riprende al civico 11 sulla provinciale, anche il sito del Cai di Bergamo dice di percorrere la strada fino a Berbenno, certo se si trovasse un accordo definitivo coi proprietari di Cornasei sarebbe una gran bella cosa, sarebbe il percorso più logico e decisamente più bello. Ma per come sono adesso le cose è giusto dire che percorrere la stradina di Cornasei significa entrare in proprietà private.
Il periplo è un percorso fantastico, di grandissima soddisfazione, da San Piro in poi più nessun problema di orientamento: sarebbe davvero bello se nella zona Corna Marcia - Berbenno venisse trovata una adeguata soluzione ai problemi di attraversamento delle proprietà private, il 571 potrebbe candidarsi a diventare un classico, un GTO in salsa valdimagnina.

a_45
moritz63
 
Messaggi: 16400
Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2013, 20:51

Re: 571 Sentiero Alto di Valle: Periplo della Valle Imagna

Messaggiodi moritz63 » lunedì 2 luglio 2018, 17:12

Rugetor ha scritto:Complimenti Maurizio per la lunga e bella scarpinata a_2 a_2 a_2 Come sempre impeccabili i tuoi reportage a_14

Grazie Ettore... a_45
moritz63
 
Messaggi: 16400
Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2013, 20:51

Re: 571 Sentiero Alto di Valle: Periplo della Valle Imagna

Messaggiodi moritz63 » lunedì 2 luglio 2018, 17:32

elio.biava ha scritto:
moritz63 ha scritto:E' l'ora di merenda e me la godo...

Immagine


Immagino quanta fatica, ricambiata dall'immensa gioia della conquista ! a_21 a_14


Sì, c'era fatica ma sapevo che era l'ultima salita e fino lì avevo tenuto molto bene, ero stato attento a non scoppiare prima: dal Linzone in giù invece mi sono rilassato con la testa, per assurdo è stato più faticoso scendere ad Almenno di tutto quanto fatto prima...
Sinceramente temevo di non farcela, per questo la prima cosa che ho fatto nel preparare l'escursione è stato guardare gli orari dei pulmann: nel portafoglio avevo perciò un biglietto con gli orari di quelli in partenza da vari paesi della Valle Imagna con destinazione Bergamo, se qualcosa andava storto avevo qualche possibilità di fuga...
Invece è andato tutto bene: la soddisfazione è davvero tanta, troppo bello...

a_45
moritz63
 
Messaggi: 16400
Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2013, 20:51

Re: 571 Sentiero Alto di Valle: Periplo della Valle Imagna

Messaggiodi andrea.brembilla » martedì 10 luglio 2018, 9:10

Grazie moritz per le esaurienti spiegazioni, davvero incredibile la storia di quei prati, non ne ero al corrente; quel che mi fa strano è che ci passano anche delle non competitive...
Dovresti scrivere una mail al CAI sottosezione Valle Imagna, per vedere se hanno in mente una soluzione.
Io sommessamente suggerisco che la collinetta la si potrebbe aggirare anche sul lato brembillese, sfruttando sentieri già esistenti e ricollegandosi al percorso del 571 in località Forcella di Berbenno, ma magari l'han già valutato... se scrivi poi prova ad aggiornarci se vuoi!

a_14 a_14
Andrea Carminati, brembano; moderatore forum
cai.vallebrembana.org
Avatar utente
andrea.brembilla
 
Messaggi: 5284
Iscritto il: giovedì 17 marzo 2005, 11:50
Località: Laxolo di Val Brembilla (BG) - 570 m s.l.m.

Re: 571 Sentiero Alto di Valle: Periplo della Valle Imagna

Messaggiodi moritz63 » mercoledì 11 luglio 2018, 18:57

andrea.brembilla ha scritto:Grazie moritz per le esaurienti spiegazioni, davvero incredibile la storia di quei prati, non ne ero al corrente; quel che mi fa strano è che ci passano anche delle non competitive… Dovresti scrivere una mail al CAI sottosezione Valle Imagna, per vedere se hanno in mente una soluzione. Io sommessamente suggerisco che la collinetta la si potrebbe aggirare anche sul lato brembillese, sfruttando sentieri già esistenti e ricollegandosi al percorso del 571 in località Forcella di Berbenno, ma magari l'han già valutato... se scrivi poi prova ad aggiornarci se vuoi!

Il gentile signore con cui ho parlato mi ha detto che il Cai aveva provato a segnare il percorso che dal Colle di Berbenno prende la stradina pianeggiante a destra di quella che sale a Cornesei, ma anche lì c'erano stati problemi con i proprietari: sul palo della luce all'inizio delle due stradine si intuiscono ancora i segnavia Cai, ora completamente cancellati, sembrerebbe insomma che gli escursionisti purtroppo non siano tanto benvenuti in alcune zone… Proverò a contattare la sottosezione della Valle Imagna, se non altro per segnalare che la bollatura scendendo dalla Corna Marcia e in zona Berbenno è introvabile, se non addirittura cancellata: se avrò notizie farò sapere ...

a_45
moritz63
 
Messaggi: 16400
Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2013, 20:51

Precedente

Torna a Trekking - Escursioni Valle Brembana/ Orobie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

cron