I giovani e la montagna

- Percorsi, itinerari, escursioni in Valle Brembana e sulle Alpi e prealpi Orobie Bergamasche.

Moderatore: MaCa

I giovani e la montagna

Messaggiodi mavaro » martedì 29 agosto 2006, 18:30

Se possibile mi piacerebbe affrontare questo argomento...
perchè i giovani della Valle non si legano al territorio montano, alle attività che offre, al contatto col bosco piuttosto che con la montagna vera e propria...?
e perchè invece in alcune zone, mi viene in mente la savoia che conosco un pochino, i giovani sono super legati al territorio: caccia, alpinismo, escursioni e tutte quelle attività che fanno vivere fino in fondo la montagna...?
Idee... opinioni... commenti... non siete d'accordo? è vero?
mavaro
 

Messaggiodi Manugina » mercoledì 30 agosto 2006, 8:09

credo che sia perchè nei territori da te citati le attività legate alla montagna permettono ai giovani e alle famiglie in genere di "campare"..... le persone che conosco che hanno attività legate alla terra (io per prima) hanno alle spalle un posto di lavoro sicuro (purtroppo non in valle) e possono dedicare solo ritagli di tempo alla montagna.
Manugina
 
Messaggi: 15
Iscritto il: lunedì 31 luglio 2006, 18:30
Località: valle brembana

Messaggiodi mavaro » mercoledì 30 agosto 2006, 9:10

e nelle zone in cui dico i giovani spesso son via per l'intera settimana per motivi di studio...
la butto lì... non sarà piuttosto la mancanza di una cultura legata alla montagna? che quindi si collegherebbe anche al fatto che la gente che abita in valle non ne sà apprezzare le ricchezze?
ho scritto una stupidaggine?
mavaro
 

Messaggiodi Manugina » mercoledì 30 agosto 2006, 9:55

beh è un punto di vista, io vedo molti giovani (a prop che intendi x gioavni specificare fascia di età) che vivono la montagna attraverso giornate in baita, pesca caccia escursioni, alcuni engono ancora in vita stalle e baite anche se in dimensioni ridotte (poco tempo a disposizione!!).
Manugina
 
Messaggi: 15
Iscritto il: lunedì 31 luglio 2006, 18:30
Località: valle brembana

Messaggiodi mavaro » mercoledì 30 agosto 2006, 10:47

intendo proprio "ragazzi" dai 14/15 anni ai 20...
è in quella fascia, secondo me, che dovrebbe spuntare la passione per la montagna e per tutto ciò che ci ruota attorno... no?
magari sbaglio...
è vero, molti giovani tengono in piedi baite (molti se ne fregano)... ma il discorso non è la baita, è la montagna: il bosco, la roccia, il prato, l'alpinismo, l'esplorazione... possono essere i funghi, la caccia, la pesca, la legna...
mavaro
 

Messaggiodi Manugina » mercoledì 30 agosto 2006, 11:39

per attirare i giovanissimi (diciamo così altrimenti mi sento vecchia bacucca) sarebbe utile rendere appetibili queste attività e non un motivo di vergogna.

a volte accade il contrario soprattutto in ambienti condivisi (scuola, palestra....)

mi sbaglio?
Manugina
 
Messaggi: 15
Iscritto il: lunedì 31 luglio 2006, 18:30
Località: valle brembana

Messaggiodi mavaro » mercoledì 30 agosto 2006, 11:55

infatti sarebbe bello parlarne un pochino e poi magari proporre anche delle soluzioni...
sarebbe importante che i giovani residenti in Valle imparassero ad apprezzare e a vivere veramente ciò che la montagna offre...
secondo me bisogna prenderli sin da piccoli e fargli apprezzare quelle attività e quegli sport strettamente legati al territorio alpino, ed anche il contatto con la natura...
Ad oggi negli ambienti condivisi il tema, già a 11/12 anni sono i vestiti di marca, i cellulari, ecc... bisognerebbe riuscire a rendere "figo" quello che pratica lo sci d'alpinismo e arriva più lontano, quello che fa il sentiero delle orobie, quello che tutte le domeniche fa un'escursione in montagna...
impossibile?
Da lì nascono le guide alpine, gli accompagnatori, gli esperti di flora e fauna, gli amanti della tradizione... no?
Discorso intricato....
mavaro
 

Messaggiodi Manugina » mercoledì 30 agosto 2006, 12:51

queste cose sono "avventurose" e di certo più appetibili di:

fare il fieno;
fare la legna (con coscienza e criterio);
mungere....(quanti ragazzi lo sanno fare????);
accendere un fuoco;
fare l'orto...


ecc ecc

il problema non è che già dalla generazione precedente fascia età (35-50 anni) si è perso l'interesse verso queste attività?

alla gita in montagna si preferisce sempre più il centro commerciale...
Manugina
 
Messaggi: 15
Iscritto il: lunedì 31 luglio 2006, 18:30
Località: valle brembana

Messaggiodi eleunamme » mercoledì 30 agosto 2006, 14:59

La situazione è triste!!!!
I giovani dai 15 ai 20/25 anni della montagna , se non ha le baite con disco da "truzzoni" se non ci sono le "tipe" e se non ci si arriva con la moto, motorino truccato o con la macchina "trend", non se la ca.... proprio !

Non voglio risultare fin troppo negativo ma sia i giovani "villeggianti" (magari trascinati dai "vecchi") o quelli "indigeni" sembrano un po' distanti dall'idea di godere della montagna in modo vero e sano !

E' una questione culturale e formativa!
Sia in casa che a scuola (di tutti i gradi) non si valorizza la vera realtà Italiana, ossia che siamo fatti soprattutto di Montagne e Mari!

Nessuno o cmq pochi seguono le orme dei padri che dall'ambiente in cui sono cresiuti na hanno ricavato anche una richezza e fonte di vita!

In montagna le scuole e le amm.ni dovrebbero FORMARE e INCENTIVARE le iniziative legate al territorio creando partecipazioni e collaborazioni con chi confina non solo in Italia, ossia guardare oltre al proprio orticello.

Creare opportunità stimolando idee e magari imparare dagli altri dove ciò si è fatto.
Vedi Austria, Svizzera , Alto Adige.
In queste cose ha si senso seguire gli altri e confrontarsi!
eleunamme
 

Prossimo

Torna a Trekking - Escursioni Valle Brembana/ Orobie

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti