Raduno di raspa 2014

Il CAI in Valle Brembana: sezione di Piazza Brembana, sottosezioni di Zogno e di Valserina. Il perno delle gite e escursioni sulle Orobie brembane e la SCUOLA OROBICA di Alpinismo e sci-alpinismo

Moderatori: Rugetor, andrea.brembilla

Re: Raduno di raspa 2014

Messaggiodi Fabius » venerdì 4 aprile 2014, 8:13

Recentemente, una mia gita al Calvi è stata l'occasione per poter vedere da vicino l'attrezzatura oggetto di questa tecnica particolare (che se non erro viene soprannominata tecnicamente sci da fondo escursionistico?).
Ci sono percorsi che si addicono perfettamente all'utilizzo dela raspa (stradine strette e percorsi similari appunto tipo Calvi) laddove la lunghezza del percorso poco remunerativa e soprattutto lo spazio ridotto d'azione in discesa consentirebbe al massimo nemmeno la tecnica di spazzaneve con gli sci. Quello che mi ha sorpreso è stato vedere delle sottili pelli di foca anche sotto tali solette (ero convinto che avessero la squamatura come quelli da fondo) ma soprattutto colpisce la dimensione dei bastoncini, opportunamente superimbottiti per ovvie ragioni (soprattutto maschili a_39 ). Ma quando la neve è ghiacciata come si riesce a lavorare ancora di raspa?
In futuro mi stavo orientando verso l'acquisto delle ciaspole ma non è detto che anche la raspa possa catturare il mio interesse su alcuni tragitti.......bravi promotori del simpatico Raduno a_2 .
La felicità dell'uomo sta nella natura selvaggia.
Fabius
 
Messaggi: 2022
Iscritto il: giovedì 25 dicembre 2008, 11:52
Località: Bergamo Nord (alt.295mt.)

Re: Raduno di raspa 2014

Messaggiodi Paolo » venerdì 4 aprile 2014, 10:08

Fabius ha scritto:Recentemente, una mia gita al Calvi è stata l'occasione per poter vedere da vicino l'attrezzatura oggetto di questa tecnica particolare (che se non erro viene soprannominata tecnicamente sci da fondo escursionistico?). Ci sono percorsi che si addicono perfettamente all'utilizzo dela raspa (stradine strette e percorsi similari appunto tipo Calvi) laddove la lunghezza del percorso poco remunerativa e soprattutto lo spazio ridotto d'azione in discesa consentirebbe al massimo nemmeno la tecnica di spazzaneve con gli sci. Quello che mi ha sorpreso è stato vedere delle sottili pelli di foca anche sotto tali solette (ero convinto che avessero la squamatura come quelli da fondo) ma soprattutto colpisce la dimensione dei bastoncini, opportunamente superimbottiti per ovvie ragioni (soprattutto maschili a_39 ). Ma quando la neve è ghiacciata come si riesce a lavorare ancora di raspa? In futuro mi stavo orientando verso l'acquisto delle ciaspole ma non è detto che anche la raspa possa catturare il mio interesse su alcuni tragitti.......bravi promotori del simpatico Raduno a_2 .

Ciao,
ti rispondo per quel che posso, non essendo un grande esperto di raspa - spero che poi intervenga qualcuno con più esperienza. Innanzitutto l'attrezzatura non è proprio quella da sci fondo escursionistico; quella è un po' più... tecnica, almeno per quanto ho potuto vedere negli ultimi anni, hanno introdotto attacchi che possono bloccare il tallone, sci con lamine (mi pare "nascoste" sotto lo spigolo di plastica, non a vista, ma comunque di metallo). Per la raspa invece in genere si riciclano gli sci vecchi da pista che si hanno in cantina (io ad esempio ho riutilizzato dei fischer da alternato da gara, 44mm di larghezza e 500gr di peso), e quindi in genere si gira con scarpette da pista (passo classico) e relativi attacchi con tallone libero. I vantaggi rispetto allo scialp sono la leggerezza dell'attrezzatura (anche se ormai col carbonio non ci sono più le differenze di una volta), e la sensazione di leggerezza che ti danno le scarpette leggere. Gli svantaggi sono il poco galleggiamento se trovi neve farinosa o primaverile molto cedevole, e il fatto che in discese in genere tendi ad andare in linea retta (c'è chi sa girare, ma difficilmente quando arrivi in fondo ti volti a rimirare le tue virgole... a_11 ).

Quando la neve è ghiacciata la situazione si complica, personalmente le poche volte che vado cerco di evitarla (basta alzarsi più tardi... ).
Si usano le pelli, non le squame, perchè queste ultime non garantirebbero una tenuta sufficiente in salita. E per quanto riguarda i bastoncini confermo che l'imbottitura ci vuole, sia per quanto freni tenendoli lateralmente (e quindi fai pressione con le mani), sia per quanto ti ci siedi sopra (e quindi fai pressione con altre zone ). Per quanto riguarda il rischio di... soffrire se non li posizioni correttamente quando ti siedi, non preoccuparti: sbagli al massimo una volta, poi impari a_39
Moderatore Forum area Sci di Fondo
Avatar utente
Paolo
 
Messaggi: 1896
Iscritto il: mercoledì 19 febbraio 2003, 6:07
Località: Bg (260m) - Carona (1100m)

Re: Raduno di raspa 2014

Messaggiodi aluz » martedì 8 aprile 2014, 20:10

sulla neve ghiacciata non mi è ancora capitato di raspare, comunque io uso sci da telemark quindi posso alternare le tecniche anche se preferisco la raspa. dei bastoncini da raspa possono sempre tornare utili per tutti, meglio averli che non averli.
complimenti per il raduno!
aluz
 
Messaggi: 8
Iscritto il: mercoledì 5 marzo 2014, 20:37

Precedente

Torna a C.A.I. Valle Brembana e Scuola Orobica di Alpinismo e Sci-Alpinismo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite