Pagina 30 di 30

Re: Villa d'Almè Dalmine - Tangenziale Sud di Bergamo

MessaggioInviato: venerdì 25 maggio 2018, 15:29
di IW2LBR
Comunicato Stampa Paladina - Villa d'Almè

COMUNITÀ MONTANA VALLE BREMBANA
24014 PIAZZA BREMBANA (BG) – VIA DON ANGELO TONDINI , 16 - Tel 0345/81177 Fax 0345/81240 - C.F. E P.IVA 02756440166 cmvallebrembana.bg@legalmail.it

ALGUA – AVERARA – BLELLO – BRACCA – BRANZI – CAMERATA CORNELLO – CARONA – CASSIGLIO – CORNALBA – COSTA SERINA – CUSIO – DOSSENA – FOPPOLO – ISOLA DI FONDRA – LENNA – MEZZOLDO – MOIO DE’ CALVI – OLMO AL BREMBO – OLTRE IL COLLE – ORNICA – PIAZZA BREMBANA – PIAZZATORRE – PIAZZOLO – RONCOBELLO – S. GIOVANNI BIANCO - S. PELLEGRINO TERME – S. BRIGIDA – SEDRINA – SERINA – TALEGGIO – UBIALE CLANEZZO – VAL BREMBILLA - VALLEVE – VALNEGRA – VALTORTA – VEDESETA – ZOGNO

Immagine

Piazza Brembana, 25 maggio 2018 Prot. 3739/10/1

Apprendiamo in questi giorni notizie relative a richieste avanzate da associazioni ambientaliste locali, che mettono in discussione i progetti viabilistici della Villa d’Almè – Dalmine, e precisamente del tratto Paladina-Villa d’Almè: proprio ora che dopo oltre 20 anni di attese è iniziata la fase di realizzazione!!! Dopo le azioni unanimi intraprese da tutte le istituzioni della Valle Brembana (e non solo...) e dai cittadini, per sollecitare ai vari livelli istituzionali gli enti preposti alla concreta realizzazione di opere viabilistiche necessarie per le Aziende produttive, che con grande fatica continuano ad investire nelle valli, e per tutti i cittadini che continuano a subire disagi quotidiani nell’assolvere i propri bisogni primari (quali scuola, lavoro e salute), rimaniamo a dir poco sconcertati da queste prese di posizione che non tengono in minima considerazione le esigenze fondamentali espresse da chi ha deciso di continuare a vivere e investire nei territori di montagna. Certamente, in funzione dei punti di vista e delle sensibilità individuali da cui parte l’analisi dei problemi, tutte le opere pubbliche progettate (e realizzate) hanno dei margini di miglioramento, ma ribadiamo la nostra posizione affinché le istituzioni preposte procedano celermente con la realizzazione di tutte le opere necessarie, urgenti e improcrastinabili per permettere ai cittadini di sperare in un futuro migliore ed alle imprese della Valle Brembana di restare a produrre sul territorio.

Distinti saluti Alberto Mazzoleni

Re: Villa d'Almè Dalmine - Tangenziale Sud di Bergamo

MessaggioInviato: venerdì 25 maggio 2018, 18:47
di Lino70
Questa si che è una buona notizia... recentemente se ne sono sentite di tutti i colori... x ultima che io sappia e in ordine di tempo è questa pubblicata qualche giorno fa:

Paladina-Villa d'Almè, Legambiente: «Progetto morto, in realtà non lo vuole nessuno»

A dire non lo vuole nessuno mi sembra una presa si posizione molto strana e di parte... e questo è ciò che si legge:

Un progetto morto per i costi eccessivi e che in realtà nessuno vuole. E' stato bollato così da Legambiente il cantiere per la realizzazione della Villa d’Almè – Paladina, partito nei giorni scorsi dopo anni di attese. Legambiente interviene sul tema e lo fa attraverso una lettera aperta firmata dal presidente Nicola Cremaschi ed indirizzata al presidente della Provincia Matteo Rossi, ai comuni di Paladina, Almè, Villa D'Almè, e al Parco dei Colli di Bergamo.

LA LETTERA - Dobbiamo ammettere che ci eravamo quasi dimenticati di questo progetto, vecchio fin dalla sua nascita e devastante nella sua progettazione. Un progetto che tutti ci avevano garantito “morto per i costi eccessivi e che nessuno in realtà vuole. Ci avevamo creduto. Avevamo creduto che un progetto di cui non si sente parlare per 10 anni, progettato 20 anni fa sia destinato ad essere abbandonato o, nella peggiore delle ipotesi, debba ricominciare il suo iter di valutazione dopo così tanto tempo. Soprattutto quando si parla di una strada che andrà a “scassare” alcune delle aree di maggior pregio della cintura cittadina. Soprattutto quando a poco, pochissimo di distanza esiste una strada che permette di fare lo stesso percorso e che deve essere ancora finita. (mi riferisco alla Villa d’Almè – Dalmine, spero di non star sbagliando). Grandi opere un po’ incompiute che si sommano. Ne abbiamo davvero bisogno? Ne abbiamo bisogno di investire su questi ecomostri mentre la stessa Provincia da Lei presieduta tanto sta facendo per promuovere forme di mobilità a corto, medio e lungo raggio più efficienti e più moderne? Sappiamo che è difficile bloccare progetti ereditati dal passato con tutto il carico di storia che hanno. Ma sappiamo anche che si può fare.Ci dica come possiamo fare per sostenere questo sforzo, come aiutarla a bloccare progetti di cui non si sente nessun bisogno e proiettare il nostro territorio in una visione degna del XXI secolo, non ancorata agli anni ‘60 del ‘900. Non si può risolvere un problema con la stessa mentalità che l’ha generato.

Da Montagneepaesi intervalli

Re: Villa d'Almè Dalmine - Tangenziale Sud di Bergamo

MessaggioInviato: giovedì 31 maggio 2018, 18:56
di Lino70
a_45 nel tratto tra Mozzo e Curno, i lavori entrano nel vivo!! a_2 avanti a tutta... a_14

Re: Villa d'Almè Dalmine - Tangenziale Sud di Bergamo

MessaggioInviato: giovedì 31 maggio 2018, 19:36
di alvin 51
Lino70 ha scritto:a_45 nel tratto tra Mozzo e Curno, i lavori entrano nel vivo!! a_2 avanti a tutta... a_14

molto ma molto bene, pensando sempre a chi la usufruisce adesso ma anche in futuro, una maggiore scorrevolezza, con risparmio di tempo e stress, non guasta di sicuro! a_21 a_45

Re: Villa d'Almè Dalmine - Tangenziale Sud di Bergamo

MessaggioInviato: domenica 3 giugno 2018, 20:43
di Lino70
Paladina-Villa d’Almè, siglato il contratto: Conto alla rovescia per il progetto

Conto alla rovescia per il progetto della Paladina - Villa d’Almè: stipulato il contratto, entro 120 giorni il piano definitivo.

Conto alla rovescia per il progetto della Paladina - Villa d’Almè: la scorsa settimana è stato ufficialmente sottoscritto il contratto per la progettazione definitiva della Paladina-Villa d’Almè , affidata alla «Pro Iter» di Milano. Entro meno di 120 giorni, dunque, si giungerà alla chiusura del progetto definitivo

L'eco di Bergamo