Castel della Regina

Segnalazioni e ricerche storiche in Valle Brembana..

Moderatore: claudio valce

Re: Castel della Regina

Messaggiodi elio.biava » giovedì 17 aprile 2014, 18:33

Uno splendido servizio fotografico al chiaror della luna, di MaCa. Un'altra favola arricchisce questo capitolo. a_2 a_2 a_2

Titolo: Pic-nic di Luna Piena al Castel Regina

MaCa ha scritto:Immagine
Moderatore Immagini Antiche
"tra i monti Alben e Regaduro nel canalone i suoi compagni lo trasportarono per sentieri scoscesi tra boschi e pascoli fino a Sottochiesa, adagiato su una rozza scala a pioli ricoperta di fronde"
Avatar utente
elio.biava
 
Messaggi: 2882
Iscritto il: lunedì 18 aprile 2011, 11:38
Località: Fraggio-Fractum 995 slm, ex dogana veneta, Taleggio (BG) "sèm a baita"

Re: Castel della Regina

Messaggiodi elio.biava » martedì 6 maggio 2014, 12:00

Cosa c'è di meglio per festeggiare una splendida domenica primaverile? andare a far visita alla cima del Castel Regina.
Grazie al contributo di claudio valce, da questo poggio possiamo godere di panorami stupendi e lungo la costiera quasi sempre riarsa ammirare la flora tipica locale. Come per lo più avviene la partenza è dal borgo caratteristico di Catremerio, che merita una visita finale!

Titolo: Castel Regina

claudio valce ha scritto:Domenica -04 maggio 2014 -media valle Brembana -Castel Regina

Catremerio Castel Regina 1424 mt.

... salendo da Catremerio è una bella camminata di circa 1ora abbondante...

la chiesa di Catremerio

Immagine


(attenzione però a_34 preparatevi e preparate chi si unisce a voi ... Claudio ruba un pò sul tempo a_35 , ci vuole un pò di più per godersi il tutto a_39 )
a_14
Moderatore Immagini Antiche
"tra i monti Alben e Regaduro nel canalone i suoi compagni lo trasportarono per sentieri scoscesi tra boschi e pascoli fino a Sottochiesa, adagiato su una rozza scala a pioli ricoperta di fronde"
Avatar utente
elio.biava
 
Messaggi: 2882
Iscritto il: lunedì 18 aprile 2011, 11:38
Località: Fraggio-Fractum 995 slm, ex dogana veneta, Taleggio (BG) "sèm a baita"

Re: Castel della Regina

Messaggiodi elio.biava » venerdì 9 maggio 2014, 21:18

Complimenti al nostro brembillese Andrea, ieri ha conquistato la vetta del monte Elbrus di 5614 m nel Caucaso a_2 a_2 a_2

Immagine

a_14
Moderatore Immagini Antiche
"tra i monti Alben e Regaduro nel canalone i suoi compagni lo trasportarono per sentieri scoscesi tra boschi e pascoli fino a Sottochiesa, adagiato su una rozza scala a pioli ricoperta di fronde"
Avatar utente
elio.biava
 
Messaggi: 2882
Iscritto il: lunedì 18 aprile 2011, 11:38
Località: Fraggio-Fractum 995 slm, ex dogana veneta, Taleggio (BG) "sèm a baita"

Re: Castel della Regina

Messaggiodi andrea.brembilla » giovedì 15 maggio 2014, 10:46

a_39 Leggo ora.... grazie elio! a_2

Poi il fatto che mi associ al Caste de la Regina, su cui sarò salito una quarantina di volte, mi fa un sacco piacere! a_14
Andrea Carminati, brembano; moderatore forum
cai.vallebrembana.org
Avatar utente
andrea.brembilla
 
Messaggi: 5302
Iscritto il: giovedì 17 marzo 2005, 11:50
Località: Laxolo di Val Brembilla (BG) - 570 m s.l.m.

Re: Castel della Regina

Messaggiodi G72 » giovedì 15 maggio 2014, 21:58

elio.biava ha scritto:Complimenti al nostro brembillese Andrea, ieri ha conquistato la vetta del monte Elbrus di 5614 m nel Caucaso a_2 a_2 a_2

Immagine

a_14

Mi associo a_2 a_2 a_2
G72
 
Messaggi: 281
Iscritto il: venerdì 27 giugno 2008, 10:08

Re: Castel della Regina

Messaggiodi IW2LBR » martedì 5 agosto 2014, 10:07

da L'Eco di Bergamo di Sabrina Penteriani

C’era una volta una regina, una guerriera audace e spietata.

Seminava il terrore tra i suoi nemici e nessuno poteva sconfiggerla. Da questo leggendario personaggio prende il nome Castel Regina, località sopra Brembilla, a 1.400 metri di quota. Sulla cima non è rimasto quasi nulla: un blocco di roccia, che forse un tempo è stato un basamento. E poi, nello spazio antistante, c’è una specie di conca circondata da pietre squadrate che a un osservatore attento possono ricordare un cortile circondato da spesse mura. Da lì si domina la valle, la vista è formidabile: anche per questo è un luogo apprezzato dagli escursionisti che frequentano la zona. Eppure un castello c’era davvero nel 1300, ai tempi delle lotte tra guelfi e ghibellini. Lo dicono i documenti rintracciati dagli storici locali, e i numerosi reperti ritrovati sul posto, ancora in fase di studio: frammenti di ceramica, punte di freccia e di balestra, attrezzi, perfino uno strumento musicale d’osso. Secondo il racconto popolare, a punire la fiera regina fu la sua smisurata ambizione: si trovò davanti un re potente e ricco, che possedeva una preziosa corona e un vitello d’oro. Lei volle impadronirsi di entrambi, lo sfidò, lottò duramente e alla fine vinse. Ma il vitello era un simbolo religioso e il re, prima di morire, lanciò una terribile maledizione. Così la guerriera, tornata alla sua fortezza, fu colpita dalla furia degli elementi: lampi, tuoni, fulmini, finché la terra si aprì per inghiottirla, insieme al castello e ai soldati.

La leggenda si ritrova anche nel libro «Racconti popolari brembani» di Tarcisio Bottani e Wanda Taufer. L’idea che in quel luogo ci fosse un tesoro, per di più maledetto, ha fatto fiorire decine di leggende sui cercatori di queste ricchezze. «La leggenda - racconta Alessandro Pellegrini, storico locale - nasce nella seconda metà dell’Ottocento, quando Brembilla sta investendo per la valorizzazione della sua acqua solforosa. Ha il suo punto simbolico nel castello perché è esistito davvero. Era chiamato Castello di Cornalba e non della regina, elemento a mio parere introdotto insieme al tesoro per rendere la storia più intrigante». La realtà storica è meno romantica, ma comunque affascinante. Il castello di Cornalba, secondo i documenti dell’epoca, era una di quelle piccole fortezze, inizialmente in legno, costruite in punti strategici. Luoghi dai quali anche pochi soldati erano in grado di difendere intere vallate. Fu costruito intorno alla metà del 1300 per volere di Barnabò Visconti e dei ghibellini brembillesi. A quei tempi in Val Brembana San Giovanni Bianco e i paesi limitrofi, come la parte alta di Zogno, Poscante, Endenna, Camerata, Ponteranica e Sorisole parteggiavano per i guelfi. Erano ghibelline invece, con Brembilla, la parte bassa di Zogno, Stabello, Sedrina e Villa d’Almé. Il castello venne distrutto una prima volta nel 1368 durante alcune sollevazioni di guelfi in Val Brembana, e ricostruito nel 1382, poi ancora raso al suolo e nel 1383 rifatto in pietra. Era una piccola costruzione: ottanta metri quadrati o poco più di spazio interno, una torre di avvistamento e un piccolo cortile fortificato. Vi abitavano un castellano, otto soldati, un ragazzo e un cane. Tra le famiglie guelfe e ghibelline di Brembilla e della Val Brembana in quel periodo battaglie e rappresaglie erano all’ordine del giorno, e così la fortezza era spesso impegnata in azioni di difesa. Alla fine del 1300 ci furono diversi tentativi di portare la pace, che partivano da Milano, ma quando Gian Galeazzo Visconti morì, nel 1402, gli scontri tra le due fazioni si riaccesero. Finché il 5 settembre del 1403 ci fu la completa distruzione del Castello di Cornalba, narrata così dalle cronache del tempo, scritte dal notaio Castel Castelli (Chronicon Bergomense Ghelpho-Ghibellinum): «Bertazzolo dei Boselli con la sua brigata e Giovanni dei Sonzogni di Sussia, con una brigata di circa 200 guelfi, presero il Castello di Cornalba, provvisto di difese e macchine da guerra, e catturarono il castellano, che era lì con cinque dei suoi... E lo stesso giorno distrussero il detto castello e portarono le porte fino a San Giovanni Bianco». Portare via le porte del castello era un gesto simbolico: oltre che un segno di vittoria era un modo per dire che lì non sarebbe più stato ricostruito. E così accadde davvero. Comunque i brembillesi continuarono a combattere, cercando di opporsi al dominio veneto, una lotta che portò, nel 1443, alla cacciata da Brembilla di tutti gli abitanti, che furono accolti a Milano: non a caso il cognome Brambilla è diventato poi tra i più diffusi nella metropoli lombarda. Tornando al castello di Cornalba nel 2003, 11 anni fa, per ricordare il 600° anniversario della sua distruzione è stato predisposto dal «Gruppo sentieri Amici della storia di Brembilla» un opuscolo che raccoglie gli elementi salienti della storia, disponibile sul sito del Comune di Brembilla.

Altre informazioni e foto si trovano su http://forum.valbrembanaweb.com
Per visitare il posto dove si trovava il Castello di Cornalba si possono seguire i sentieri Cai 595, 596 e 596-bis, a partire dalle contrade di Cavaglia, Cerro o da Catremerio.
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 75406
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Castel della Regina

Messaggiodi elio.biava » mercoledì 10 settembre 2014, 11:23

Percorsi correlati alla cima Castel Regina e dintorni :

1) Titolo: La Strada Taverna

MaCa ha scritto:Bassa Valle Brembana - Sabato 06 Settembre 2014 - Ponti di Sedrina - Catremerio - Crosnello

La Strada Taverna

...
La strada Taverna
Punto di partenza: Ponti di Sedrina – Val Brembilla (291 m)
Punto d'arrivo: Passo di Crosnello (1094 m)
Dislivello: 803 m in salita
Lunghezza: 5 km
Tempo medio di percorrenza: 3h - 3h 30'
Sentiero CAI: 592
La Strada Taverna è un'antica via di comunicazione che, partendo da Almenno San Salvatore, raggiungeva le contrade alte della Val Brembilla, salendo per il versante orografico sinistro del fiume Brembilla.
....
Altimetria e percorso
Immagine


1a) ricerche ...Titolo: Archeologia nelle Valli Orobiche e antichi percorsi
gexgpp ha scritto:Salve mi presento sono Giuseppe,
stò lavorando ad una tesi sulla via romana como-bergamo che attraversava il brembo presso il ponte della Regina di Almenno e sull'esistenza di possibili ramuli della via romana nelle vallate orobiche imagna e brembana...


Immagine


1+anello Castel Regina) Titolo: L'Anello della Regina

MaCa ha scritto:Bassa Valle Brembana - Sabato 06 Settembre 2014 - Catremerio - Crosnello - Pizzo Cerro - Castel Regina - Cavaglia - Cerro - Catremerio

L'Anello della Regina

Dopo aver tracciato la via Taverna, decidiamo di seguire anche questo interessante anello. Così ritorniamo a Catremerio e via... si riparte!
...
Sentieri CAI: 596 - 592B
...
Altimetria e percorso

Immagine


ringraziando Maca e andrea.brembilla a_2 a_2
Moderatore Immagini Antiche
"tra i monti Alben e Regaduro nel canalone i suoi compagni lo trasportarono per sentieri scoscesi tra boschi e pascoli fino a Sottochiesa, adagiato su una rozza scala a pioli ricoperta di fronde"
Avatar utente
elio.biava
 
Messaggi: 2882
Iscritto il: lunedì 18 aprile 2011, 11:38
Località: Fraggio-Fractum 995 slm, ex dogana veneta, Taleggio (BG) "sèm a baita"

Re: la Storia...una capra, un flauto

Messaggiodi elio.biava » lunedì 28 dicembre 2015, 18:32

Dai Quaderni Brembani n°14 - 2016

Una bella ricerca sul Castel della Regina, nata da una passeggiata, un uomo dotato di tanta precisione, rispetto, tenacia ed un sacco di persone con passione.

Inizia con una lezione di fisica sulla generazione del suono in un flato, secondo l' Effetto Venturi e la fisica dei gas.

Immagine
Ultima modifica di elio.biava il lunedì 28 dicembre 2015, 18:34, modificato 1 volta in totale.
Moderatore Immagini Antiche
"tra i monti Alben e Regaduro nel canalone i suoi compagni lo trasportarono per sentieri scoscesi tra boschi e pascoli fino a Sottochiesa, adagiato su una rozza scala a pioli ricoperta di fronde"
Avatar utente
elio.biava
 
Messaggi: 2882
Iscritto il: lunedì 18 aprile 2011, 11:38
Località: Fraggio-Fractum 995 slm, ex dogana veneta, Taleggio (BG) "sèm a baita"

Re: la Storia...una capra, un flauto

Messaggiodi elio.biava » lunedì 28 dicembre 2015, 18:32

Immagine
Ultima modifica di elio.biava il lunedì 28 dicembre 2015, 18:35, modificato 1 volta in totale.
Moderatore Immagini Antiche
"tra i monti Alben e Regaduro nel canalone i suoi compagni lo trasportarono per sentieri scoscesi tra boschi e pascoli fino a Sottochiesa, adagiato su una rozza scala a pioli ricoperta di fronde"
Avatar utente
elio.biava
 
Messaggi: 2882
Iscritto il: lunedì 18 aprile 2011, 11:38
Località: Fraggio-Fractum 995 slm, ex dogana veneta, Taleggio (BG) "sèm a baita"

PrecedenteProssimo

Torna a Cultura e Storia Valle Brembana

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron