Il ritorno del S.Simonino a Casa di Arlecchino

Segnalazioni e ricerche storiche in Valle Brembana..

Moderatore: claudio valce

Il ritorno del S.Simonino a Casa di Arlecchino

Messaggiodi IW2LBR » mercoledì 22 marzo 2017, 10:03

SAN GIOVANNI BIANCO - Escursioni S.Giovanni - Alberghi, ristoranti - Valle Brembana - Orobie Bergamasche - Orobie

Il ritorno del San Simonino a Casa di Arlecchino

Dopo 68 anni l'affresco del san Simonino torna a Palazzo Grataroli.
L'affresco, risalente alla fine del XV secolo, era l'ultimo pezzo mancante per ricostruire la struttura originaria della camera picta del trecentesco palazzo Grataroli, nel borgo storico di Oneta, che oggi ospita la Casa Museo di Arlecchino. L'opera, che raffigura il martirio di san Simonino da Trento, venne rimossa dal suo luogo originario nel 1939 dall'allora prevosto don Davide Brigenti che fece restaurare l'intero ciclo pittorico. Visto il soggetto della rappresentazione, il prevosto considerò però sconveniente questo affresco e lo inviò a Bergamo, dove nel 1941 entrò a far parte della collezione privata del vescovo Bernareggi. Nel tempo se ne persero le tracce ed è stato solo in epoca recente (in occasione di una mostra degli affreschi di Oneta allestita nel 1987 al Centro culturale San Bartolomeo) che il San Simonino, unico nel suo genere in Valle Brembana, è stato rinvenuto nei depositi del Museo Diocesano. Oggi la Casa Museo di Arlecchino vede ricomporsi l'intero ciclo pittorico della camera picta: uno spazio riccamente decorato con affreschi di contenuto religioso e profano (tra cui una straordinaria scena di duello cavalleresco) che originariamente veniva utilizzato come sala "di rappresentanza " dalla facoltosa famiglia dei Grataroli e che ora costituisce, per l'eccezionale qualità delle opere esposte e il perfetto stato di conservazione, un esempio unico a livello provinciale. L'Amministrazione Comunale ringrazia l'architetto Giorgio Della Chiesa per la dedizione e la costanza dimostrata nella delicata opera di recupero dell'affresco.

reportage by Tarcisio Bottani

Immagine
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 74979
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Il ritorno del S.Simonino a Casa di Arlecchino

Messaggiodi IW2LBR » mercoledì 22 marzo 2017, 10:03

Immagine
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 74979
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Il ritorno del S.Simonino a Casa di Arlecchino

Messaggiodi IW2LBR » mercoledì 22 marzo 2017, 10:03

Immagine
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 74979
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Il ritorno del S.Simonino a Casa di Arlecchino

Messaggiodi IW2LBR » mercoledì 22 marzo 2017, 10:04

Immagine
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 74979
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Il ritorno del S.Simonino a Casa di Arlecchino

Messaggiodi IW2LBR » mercoledì 22 marzo 2017, 10:16

Immagine
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 74979
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Il ritorno del S.Simonino a Casa di Arlecchino

Messaggiodi IW2LBR » mercoledì 22 marzo 2017, 10:16

Immagine

a_45
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 74979
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Re: Il ritorno del S.Simonino a Casa di Arlecchino

Messaggiodi moritz63 » giovedì 23 marzo 2017, 14:10

Interessante: molto bello..!! a_2

a_45
moritz63
 
Messaggi: 14899
Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2013, 20:51

Re: Il ritorno del S.Simonino a Casa di Arlecchino

Messaggiodi elio.biava » giovedì 23 marzo 2017, 14:59

moritz63 ha scritto:Interessante: molto bello..!!

In effetti un affresco ritrovato e riposizionato nel proprio luogo di origine è sempre un evento speciale.
Riflettevo sui motivi per i quali era stato spostato e occultato, leggendo la storia del "martire di Trento", si capisce il tutto meglio...
anche in che periodi bui l'uomo è vissuto nel passato, quanta violenza e prevaricazione ha saputo generare !! a_19
a_18
Moderatore Immagini Antiche
"tra i monti Alben e Regaduro nel canalone i suoi compagni lo trasportarono per sentieri scoscesi tra boschi e pascoli fino a Sottochiesa, adagiato su una rozza scala a pioli ricoperta di fronde"
Avatar utente
elio.biava
 
Messaggi: 3065
Iscritto il: lunedì 18 aprile 2011, 11:38
Località: Fraggio-Fractum 995 slm, ex dogana veneta, Taleggio (BG) "sèm a baita"

Re: Il ritorno del S.Simonino a Casa di Arlecchino

Messaggiodi IW2LBR » giovedì 23 marzo 2017, 15:11

elio.biava ha scritto:.... leggendo la storia del "martire di Trento", si capisce il tutto meglio... anche in che periodi bui l'uomo è vissuto nel passato, quanta violenza e prevaricazione ha saputo generare !!

da Wikipedia

Simonino di Trento, tradizionalmente san Simonino, (Trento, 1472 – Trento, marzo 1475), fu un fanciullo morto durante la Pasqua del 1475, venerato come beato dalla Chiesa cattolica sino al 1965. La vicenda legata al suo nome costituisce una testimonianza delle persecuzioni subite dalle comunità ebraiche, e delle false e strumentali accuse di "omicidio rituale" (le cosiddette accuse del sangue) che ebbero notevole diffusione soprattutto in Europa centrale nei confronti degli ebrei.


I fatti, ricostruibili attraverso gli atti del processo istruito contro la locale comunità ebraica, andarono in questo modo. Un bambino di due anni e mezzo scomparve la sera del 23 marzo 1475, giovedì santo, e fu ritrovato cadavere la domenica di Pasqua, nelle acque di una roggia, proprio vicino all'unica casa abitata dai quindici ebrei residenti a Trento, nella zona dell'attuale piazza della Mostra. In un clima di diffuso antisemitismo, infuocato dalle predicazioni del frate francescano Bernardino da Feltre, il principe vescovo Giovanni Hinderbach sostenne con forza la tesi che il bimbo era stato vittima di un "omicidio rituale" perpetrato dalla locale comunità ebraica (finalizzato alla raccolta del sangue di un bambino da utilizzare per impastare il pane azzimo per la Pasqua ebraica). I quindici ebrei presenti a Trento (il più giovane aveva quindici anni, il più vecchio novanta), presunti omicidi, furono torturati insistentemente per mesi sino a strappar loro una confessione, e quindi messi a morte con i supplizi in uso al tempo. Solo una donna, di nome Bruna, resistette più a lungo degli altri all'interrogatorio, ma si insistette tanto che la donna morì sotto tortura, confessando proprio in punto di morte e dichiarandosi pentita; fu quindi assolta dal peccato e sepolta in terra benedetta. Non servì a salvare gli ebrei il fatto che durante il processo – di cui si conservano gli atti – il legato di papa Sisto IV, chiamato dal vescovo per sovrintendere al processo, si fosse apertamente espresso contro l'infondata accusa agli ebrei. Lo stesso papa proibì subito di onorare Simonino come beato. Nonostante le proibizioni pontificie, in virtù del talento organizzativo del principe vescovo, il culto di Simonino si diffuse presto non solo nel Trentino ma anche nei territori confinanti, così che lo stesso papa Sisto IV finì per dichiarare che il processo si era svolto correttamente. La Santa Sede ammise ufficialmente il culto locale di Simonino nel 1588 e concesse l'indulgenza plenaria a chi fosse andato in pellegrinaggio presso le reliquie il giorno dedicato a Simonino.
Valanga - VLBNET Rete Wireless - News Valle Brembana - Valle Brembana - Fotografie della Valle Brembana
Specialist SEO, search engine optimization & marketing
Avatar utente
IW2LBR
Site Admin
 
Messaggi: 74979
Iscritto il: mercoledì 24 agosto 2005, 20:57
Località: Media Val Brembana (600m)

Prossimo

Torna a Cultura e Storia Valle Brembana

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti